rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Fiume Cavata e delle Vie della Transumanza: valorizzazione dei percorsi naturalistici

Due delibere approvate dalla Giunta. Così il Comune aderisce ai protocolli per l’attivazione di bandi nei territori del Fiume Cavata e delle Vie della Transumanza

Comune di Latina a lavoro per la valorizzazione turistica e paesaggistica del nostro territorio. Nella giornata di ieri la Giunta ha approvato due importanti delibere. 

 Contratto di Fiume “Cavata e Linea Pio”

La prima riguarda l’adesione del Comune di Latina al Contratto di Fiume “Cavata e Linea Pio”, uno strumento che impone e favorisce la pianificazione e la programmazione strategica integrata lungo tutto il corso d’acqua che va dall’area di Monticchio fino a Terracina. Il contratto si sta realizzando attraverso un processo partecipativo che coinvolge diversi enti e attori del territorio: Regione Lazio, Provincia, Autorità di Bacino, Consorzio di Bonifica e Comuni di Latina, Sermoneta, Sezze, Pontinia, Terracina oltre alle associazioni culturali “Cavata Flumen” e “Amici della Macrostigma del Ninfa”. Obiettivo principale del contratto, illustra l’Amministrazione, “è favorire la rinascita naturalistica e paesaggistica del corso d’acqua con il raggiungimento degli standard di qualità imposti dalle direttive europee”. Ultimate le adesioni degli enti seguiranno due ulteriori passaggi: il bando regionale per la predisposizione di tutti gli interventi programmati nel Contratto e successivamente l’indizione, sempre da parte della Regione Lazio, di ulteriori bandi che permetteranno alle aziende agricole e alle realtà imprenditoriali interessate dal percorso del fiume di finanziare le opere di valorizzazione e riqualificazione.

Valorizzazione delle Vie della Transumanza

La seconda delibera approvata ha come oggetto l’adesione del Comune al protocollo di intesa sottoscritto tra i comuni di Anzio e Jenne per la valorizzazione delle Vie della Transumanza. Il protocollo prevede di valorizzare il percorso che un tempo seguivano i pastori e che collegava i due Comuni conducendo alle zone di pascolo e coltivazione presenti nelle ex paludi pontine. L’itinerario interessa zone di particolare pregio ambientale quali il territorio del monumento naturale di Torrecchia Vecchia, tra Cisterna e Cori, il lago di Giulianello, la Selva di Paliano in Ciociaria e il Parco dei Monti Simbruini. Caratteristica di questo percorso è “l’intersezione con due tratti della Via Francigena del Sud che interessano anche il comune di Latina. Il protocollo è stato stilato ai sensi della Legge regionale n.2/2017 che disciplina la promozione e la valorizzazione della Rete dei Cammini della Regione Lazio, costituita da percorsi storici, sentieri e mulattiere presenti sul territorio da almeno cento anni”. All’intesa hanno aderito, oltre ai Comuni di Latina, Anzio e Jenne, la città metropolitana di Roma, le province di Latina e Frosinone e i comuni di Nettuno, Aprilia, Cisterna, Cori, Artena, Colleferro, Paliano, Serrone e Arcinazzo Romano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiume Cavata e delle Vie della Transumanza: valorizzazione dei percorsi naturalistici

LatinaToday è in caricamento