Domenica, 21 Luglio 2024
social

Visitando la provincia pontina: cosa vedere e cosa fare a Sermoneta

Tra i borghi medievali più belli d’Italia, Sermoneta è uno dei gioielli della provincia pontina

Il borgo medievale sul cucuzzolo della montagna a circa 240 metri sul livello del mare e la parte più moderna ai piedi dei monti posta tra l’Appia, Cisterna di Latina e il capoluogo stesso. Amata dal cinema, è stata infatti set di tantissime e importanti produzioni italiane e straniere, Sermoneta mantiene l’antico fascino dell’epoca medievale ed è un centro ricco di tradizioni, cultura e divertimento in tutti i periodi dell’anno.

Storia

Sermoneta sorge nei pressi dell’antica Sulmo un antico centro abitato da popolazione volsche posto all’altezza dell’abbazia di Valvisciolo. Nell’XI secolo un po’ per via delle invasioni saracene e un po’ per l’avanzare delle paludi, Sulmo è stata abbandonata e la popolazione si è rifugiata sulla montagna dove fu eretto il castrum Sermineti, che nel XIII secolo con l’arrivo della famiglia Caetani divenne la Sermoneta che conosciamo. I vari edifici di epoca romana furono col tempo sostituiti dai palazzi e costruzioni in pietra calcarea che si possono ammirare ancora oggi.

loggia sermoneta-2

Cosa vedere a Sermoneta

Il borgo medievale di Sermoneta è arroccato sul cucuzzolo della montagna ed è ancora oggi circondato da mura difensive. A dominare il borgo è senza dubbio il Castello Caetani, una fortezza militare, solo in un secondo tempo diventata residenza della famiglia nobiliare che deteneva il potere in zona, per lo più i Caetani e per una breve parentesi anche i Borgia. Tra le passeggiate più suggestive della provincia pontina, il borgo medievale di Sermoneta nasconde vicoli e scorci di rara bellezza che culminano in piazzette davvero belle, tra queste si possono sicuramente annoverare la Loggia dei Mercanti, il Belvedere che permette un affaccio sulla pianura pontina con tanto di sguardo sul mare dal golfo di Gaeta fino ad arrivare alle coste di Anzio e Nettuno. Tra gli edifici da ammirare sicuramente la torre della Sinagoga, ultima testimonianza della comunità ebraica che fiorì a Sermoneta tra il XII e XIII secolo prima di essere perseguitata e costretta a lasciare la città; la Chiesa di San Michele Arcangelo, caratteristico edificio che ospita spesso concerti ed eventi culturali di alto spessore oltre ovviamente le cerimonie religiose. Tra gli edifici più belli c’è anche la Cattedrale di Santa Maria Assunta, il duomo della città risalente al XII secolo dal caratteristico campanile in stile gotico-romanico. Tra i luoghi di interesse anche la Via degli Scalini e la loggia dei Mercanti (dove è stata girata la famosissima scena del film “Non ci resta che piangere” in cui Massimo Troisi affacciato proprio dalla loggia viene apostrofato dal postulante che gli grida “ricordati che devi morire!”), il Museo della Ceramica e il Museo C’era una Volta. Poco fuori dal borgo medievale c’è l’Abbazia di Valvisicolo, comprensorio monastico in stile romanico-gotico-cistercense di grande fascino dove è possibile visitare oltre alla maestosa chiesa in tre navate, anche l’incantevole chiostro e il Museo che custodisce capolavori di grandi maestri come Goya, Siciolante, Rembrandt e molti altri. Posto nel comune di Cisterna ma visitato spesso insieme al Castello Caetani, c’è il Giardino di Ninfa, splendido esempio di storia e natura compenetrate, tra i giardini privati più belli al mondo.

belvedere_sermoneta-2

 Cosa mangiare a Sermoneta

Essendo circondata da uliveti ed essendo un centro rurale, Sermoneta presenta piatti tipici della tradizione simili ai paesi confinanti sui Monti Lepini: zuppe di verdure e di legumi, e soprattutto la polenta, portata a Sermoneta da Guglielmo Caetani dopo il suo esilio in America (1503), diventata oggi un piatto amato e celebrato con una sagra itinerante per le varie borgate della città che dura oltre un mese. Nel borgo medievale è possibile mangiare in ristoranti e taverne tipiche ammirando un panorama di altri tempi, anche accanto alle mura del castello Caetani.

sagra_polenta_sermoneta-2

Gli eventi a Sermoneta

Oltre alla Sagra della Polenta che si tiene nel mese di gennaio, Sermoneta ospita una serie di eventi diventati ormai tradizionali: come la Rievocazione Storica della Battaglia di Lepanto, la Secolare fiera di San Michele o la Festa dei Fauni che celebrano le antiche origini della città, altri come il Festival Pontino di Musica che si tiene in estate o il Maggio Sermonetano che prevede una serie di eventi che animano i fine settimana nel borgo medievale, che permettono di scoprire e vivere la città in ogni periodo dell’anno.

Rievocazione storica della battaglia di Lepanto-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visitando la provincia pontina: cosa vedere e cosa fare a Sermoneta
LatinaToday è in caricamento