Domenica, 21 Luglio 2024
social

Equinozio di primavera, quando cade nel 2023

La primavera non arriva sempre il 21 marzo

La primavera inizia il 21 marzo? Non è esattamente così, la data d'ingresso della stagione primaverile, infatti, cambia di anno in anno. Dipende dall'equinozio di primavera, ossia dal momento esatto in cui i raggi del sole sono perpendicolari all'asse di rotazione della terra.

Nel 2023 la primavera inizierà ufficialmente nell'emisfero boreale alle 22,24 del 20 marzo. La data di ingresso della nuova stagione, di anno in anno, varia di poco e può oscillare tra il 19 e il 21 marzo. 

Cos'è l'equinozio di primavera

L'equinozio è quel momento in cui il Sole si trova allo zenit dell'equatore. Questo fenomeno astronomico si manifesta solo due volte all'anno, a marzo e a settembre (equinozio di primavera e equinozio di autunno). In questi precisi momenti, il giorno e la notte sono perfettamente uguali, con i raggi solari che creano un angolo retto sull'asse di rotazione della Terra. Questo determina le nostre stagioni.

Andando verso l'estate, poi, le ore del giorno inizieranno ad aumentare, fino al 21 giugno, quando ci sarà il solstizio d'estate (che quest'anno cadrà alle 16,57).

Perché l'equinozio cambia giorno

L'equinozio di primavera, dunque, non cade tutti gli anni il 21 marzo, questo dipende dal fatto che la Terra compie un giro completo in 365 giorni di un anno siderale, che non corrisponde al nostro calendario gregoriano. Per compensare la leggera differenza, sono stati introdotti gli anni bisestili di 366 giorni ogni 4 anni. Dunque quel giorno in più di febbraio crea un nuovo squilibrio, fa anticipare o posticipa l’equinozio di primavera di qualche ora o giorno. Ecco perché quest'anno l'ingresso ufficiale della primavera sarà il 20 marzo alle 22,24 circa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Equinozio di primavera, quando cade nel 2023
LatinaToday è in caricamento