Martedì, 16 Luglio 2024
social

La notte delle stelle cadenti: perché si vedono e dove osservare il cielo notturno

Cosa sono le stelle cadenti? Perché si vedono la notte di San Lorenzo? Come e dove osservarle meglio?

Si avvicina il 10 di agosto, la notte di San Lorenzo, conosciuta anche come notte delle stelle cadenti: il momento più romantico dell’estate, in cui ci si mette naso in su e per cercare di vederne una ed esprimere un desiderio come vuole la tradizione.

Cosa sono le stelle cadenti?

Come si può immaginare non sono le stelle a cadere realmente, ma si assiste a un fenomeno celeste ben preciso: ovvero si osserva, anche a occhio nudo, l’impatto delle polveri lasciate dal passaggio della cometa Swift-Tuttle sull’atmosfera terrestre. Questa cometa segue la sua orbita e passa nello stesso punto ogni 135 anni circa, i detriti della sua chioma bruciano toccando la nostra atmosfera e lasciano una scia in cielo. Ne vediamo lo spettacolo sempre in agosto perché la terra muovendosi lungo la propria orbita attorno al sole torna in quel punto, dove è passata la cometa, ogni anno nello stesso periodo. Questo sciame meteorico in particolare si chiama Perseidi e prende il nome della costellazione dalla quale sembra cadere.

Perché la notte di San Lorenzo è chiamata delle stelle cadenti?

La Terra passa nel punto più vicino ai detriti della cometa intorno al 10 agosto, quel giorno si celebra San Lorenzo. Il santo è morto da martire bruciato sulla graticola proprio il 10 agosto del 258. È tradizione associare le scintille dei carboni che alimentavano il fuoco del suo martirio con le scie luminose delle stelle cadenti. L’associazione tra la notte di San Lorenzo e le stelle cadenti è stata rafforzata ulteriormente da Giovanni Pascoli con la poesia X agosto in cui racconta la morte del padre avvenuta in circostanze misteriose proprio il 10 agosto del 1867. Pascoli paragona le stelle cadenti a lacrime del cielo.  

Picco massimo

Secondo l’Unione Astrofili Italiani la notte in cui saranno maggiormente visibili le Perseidi è quella tra il 12 e il 13 agosto, verso la mattina del 13 sarà possibile vedere all’incirca oltre 100 meteore/h. Essendo lontani dai due pleniluni del mese, il cielo sarà meno illuminato e anche il tempo dovrebbe essere buono e consentire una visione pulita del cielo. In caso ci siamo delle nuvole sarà comunque possibile osservare il fenomeno in diretta streaming, collegandosi a Virtual Telescope Project.

Dove osservare meglio le stelle

I consigli per osservare meglio il cielo stellato sono ovviamente quelli di recarsi in luoghi con poca illuminazione artificiale, magari in spiaggia o presso i parchi che organizzano delle osservazioni astronomiche guidate come sul Redentore a Formia il 10 agosto e al Parco di Pantanello a Cisterna il 12 agosto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La notte delle stelle cadenti: perché si vedono e dove osservare il cielo notturno
LatinaToday è in caricamento