rotate-mobile
social

Il parco naturale dei Monti Aurunci, l'unico "vista mare" del Lazio

L'area abbraccia vari comuni della provincia di Latina, è ricca di flora, fauna e itinerari da scoprire

Il parco naturale dei Monti Aurunci è l'area naturale protetta più a sud del Lazio. A due passi dal mare, vicino al parco della Riviera d'Ulisse, comprende diversi comuni della provincia di Latina e vale davvero la pena scoprirlo.

Campodimele (dove si trova la sede del parco regionale), Formia, Fondi, Itri, Lenola e Spigno Saturnia sono i paesi in provincia di Latina compresi all'interno di questo suggestivo parco. Ma cerchiamo di conoscere meglio il parco naturale dei Monti Aurunci per scoprirlo in tutta la sua bellezza.

Campodimele: il paese della longevità a un'ora e mezza da Latina 

Cosa vedere nel Parco Naturale dei Monti Aurunci

La catena montuosa dei Monti Aurunci è l'unica del Lazio ad affacciarsi direttamente sul Mare Tirreno, regalando scorci magici che hanno colpito importanti registi negli anni. Da Vittorio De Sica a Giuseppe De Sanctis, ma anche scrittori come Tommaso Landolfi sono stati sedotti dalla bellezza incontaminata di quest'area naturale protetta.

Dai Monti Aurunci si possono ammirare le isole ponziane, il promontorio del Circeo, la Valle del Liri, i Monti del Matese e i Monti dell’Appennino abruzzese.

La flora e la fauna da scoprire

Il Parco Naturale dei Monti Aurunci è ricco di flora con le sue faggete. Qui si trovano moltissime varietà di piante e fiori, come l'agrifoglio, la dafne, gli alberi di cerro, le piante di mele e pere, i castagni, le querce e tanto altro. Con la primavera, sbocciano il bucaneve, l’anemone, lo zafferano maggiore, il ciclamino primaverile e la violetta. Quest'area è anche chiamata il "parco delle orchidee" proprio perché è possibile ammirarne oltre 50 specie, tra cui la Serapide cuoriforme, L'orchidea Maggiore, l’Uomo nudo e la Ballerina, l’Ophrys bombyliflora.

Passeggiando nel parco, se si è fortunati, si possono scovare anche diverse specie animali, soprattutto uccelli migratori (rigogolo, cuculo, rondini), uccelli notturni (usignolo, succiacapre), rapaci notturni (civetta, gufo, barbagianni, l’assiolo e l’allocco) e diurni (falco pellegrino e poiana). Il parco è abitato anche da piccoli rettili (lucertola, ramarro, serpenti innocui) e da piccoli mammiferi (volpe, faina, gatto selvatico). Può capitare di incontrare anche tassi, cinghiali, lepri, mentre negli ultimi anni è stato constatato il ritorno di alcuni esemplari di lupo.

I monumenti nel Parco dei Monti Aurunci

A Fondi, in provincia di Latina, si trova uno dei due monumenti naturali compresi all'interno del Parco dei Monti Aurunci. Si tratta del "Monumento Naturale Mola della Corte – Settecannelle – Capodacqua". L'altro è il Monumento Naturale di Montecassino, in provincia di Frosinone.

L'area si estende per circa 4 ettari, si presenta come un bosco igrofilo con vegetazione acquatica natante e sommersa; comprende la sorgente di “Settecannelle”, composta da numerosi punti sorgivi ai piedi del Monte Passignano e il “Lago Genuardo”, un bacino di raccolta dell’acqua delimitato da mura edificate nei secoli scorsi per il contenimento e la sedimentazione delle acque. Attraverso un canale le acque del lago arrivavano con forza ad alimentare il mulino detto “Mola della Corte”, attivo fino a qualche decennio fa. Accanto al canale che porta l’acqua al mulino sono presenti i due fossi di scolo delle acque in esubero.

Itinerari nel Parco dei Monti Aurunci

Gli amanti del trekking, della mountain bike e tutti coloro che amano trascorrere giornate immersi nella natura, anche con i bambini, avranno molto da fare nel Parco Naturale dei Monti Aurunci. I sentieri, le escursioni organizzate, le attività pensate per i più piccoli non mancano infatti in quest'area. Sul sito ufficiale www.parcoaurunci.it è possibile trovare le informazioni sempre aggiornate. 

Come raggiungere il Parco dei Monti Aurunci

Come anticiparo, si tratta del parco naturale più meridionale del sistema delle aree naturali protette del Lazio. Si trova a pochi chilometri dal mare, non distante dal Parco della Riviera d'Ulisse e dal Parco regionale di Roccamonfina in Campania. Comprende sei comuni in provincia di Latina (Campodimele, Formia, Fondi, Itri, Lenola e Spigno Saturnia) e la sua sede di trova a Campodimele, in viale Glorioso 10.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il parco naturale dei Monti Aurunci, l'unico "vista mare" del Lazio

LatinaToday è in caricamento