Sport

Brescia-Latina 1-2, le pagelle: il solito Viviani. Che gol Doudou

Il capitano sblocca il risultato con la solita prodezza su punizione. L'attaccante entra, si fa ammonire e segna nel giro di pochi minuti, e forse dà la svolta alla propria stagione

Tre punti per suggellare una tradizione positiva con il Brescia, che in quattro gare contro i pontini hanno rimediato tre sconfitte e un pareggio (quello nella gara di andata): Con questa vittoria la formazione di Iuliano allontana la zona retrocessione e si colloca in una posizione dignitosa di classifica. Un buon risultato, una dose di fiducia e autostima per una formazione che fino a due mesi fa occupava l’ultima piazza e sembrava incapace di uscire dal tunnel della mediocrità nel quale si era inabissato.

LATINA (4-3-3) Di Gennaro 6; Ristovski 6,5 Brosco 6,5 Dellafiore 6 Alhassan 6; Crimi 6,5 Viviani 7 Ammari 6 (48’st Olivera s.v.); Bidaoui 5,5 (25’st Bruscagin 6) Sowe 5,5 Oduamadi 5,5 (29’st Doudou 7). A disposizione: Farelli, Angelo, Figliomeni, Jaadi, Litteri, Paolucci. All. Iuliano 7

Di Gennaro 6 – A conti fatti, l’unica vera conclusione è quella vincente di Caracciolo. La “tenerezza” degli avanti bresciani, l’attenzione della difesa e le sue doti contribuiscono a rendere il pomeriggio piuttosto tranquillo.

Ristovski 6,5 – Con la squadra più votata alle ripartenze, le sue mansioni principali riguardano la parte difensiva. Dietro non sbaglia un colpo, sbrogliando anche un paio di situazioni potenzialmente pericolose.

Brosco 6,5 – Imbavaglia Corvia, il quale è troppo innocuo per richiedere gli straordinari. Sicuro e pulito negli interventi.

Dellafiore 6 – Caracciolo gli scappa nonostante cerchi di francobollarcisi anche con metodi poco ortodossi. Tuttavia, l’airone svetta e lo anticipa sul cross perfetto di Scaglia. E’ l’unica sbavatura dell’ennesima partita perfetta. Eccessivo punirlo con l’insufficienza.

Alhassan 6 – Suo il primo tiro, un sinistro dalla distanza con il quale cerca l’effetto sorpresa come a Terni. Non è altrettanto fortunato. Come Ristovski, non spinge molto, badando più alla fase difensiva.

Crimi 6,5 – Più mastino che incursore elegante, eppure non rinuncia ai proverbiali inserimenti. Uno a fine primo tempo si rivela decisivo perché propizia la punizione vincente di Viviani.

Viviani 7 – Fine cucitore delle trame di gioco pontine, ma anche randellatore quando occorre. E’ il primo a soccorrere la difesa quando va in affanno, come testimonia il giallo rimediato a metà primo tempo. Castiga nuovamente il Brescia, con l’ennesima perla su punizione. Ma si tratta di ciliegine, perché la torta che propone è sempre piuttosto gustosa.

Ammari 6 – Un toro che travolge chiunque calpesti le sue stesse zolle. Duro nei contrasti, forse anche troppo, ma garantisce sostanza al centrocampo pontino (48’st Olivera s.v. – Entra a un minuto scarso dalla fine. Cambio tattico giusto per perdere tempo)

Oduamadi 5,5 – Generoso quanto infruttuoso. Si batte con grinta, ma si ostina troppo nelle azioni solitarie, che hanno sempre un epilogo infausto (29’st Doudou 7 – Non giocava da un bel po’. Si ripresenta in campo come peggio non potrebbe, rimediando il giallo per essere entrato in campo prima che Oduamadi uscisse. Roba da Gialappas. Poi ti pesca quello che un tempo sarebbe stato il gol della domenica. Un gol da grande giocatore, come lo ha definito Iuliano)

Sowe 5,5 – Se Bidaoui gli avesse recapitato un pallone decente su quella ripartenza in tre contro uno, forse avremmo commentato il primo gol di Sowe con la maglia del Latina. Invece si commenta l’ennesima prova fatta di giocate generose quanto confuse. Un campionario di “vorrei ma non ci riesco”. Errori che, per fortuna, non inficiano sul risultato finale.

Bidaoui 5 – Timidi segnali di risveglio, come conferma l’azione che lo porta a colpire il palo in chiusura di primo tempo. Prima però, c’era stato l’inguardabile servizio per Sowe in un pericolosissimo contropiede. Sparisce completamente nella ripresa (25’st Bruscagin 6 – Come già accaduto, il suo ingresso coincide con il passaggio a tre dietro. Fa il suo senza grossi affanni)

Iuliano 7 – Ci prova gusto, piazzando il terzo risultato utile consecutivo in trasferta (7 punti in 3 gare, ndr). Mica male per una squadra che prima del suo avvento non aveva mai vinto lontano dal Francioni. Prepara bene la partita, e opera bene in corsa. E siccome la fortuna aiuta gli audaci, ecco che Doudou premia la sua scelta, regalandogli tre punti pesanti come macigni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia-Latina 1-2, le pagelle: il solito Viviani. Che gol Doudou

LatinaToday è in caricamento