Sport

Latina epico: vittoria in rimonta in nove contro undici e secondo posto riacciuffato

Colpiti a freddo dall'ex Energe, i nerazzurri trovano un grande pareggio con capitan Corsetti. Ripresa in salita per le espulsioni di Orlando (dalla panchina), Alonzi e Allegra, ma arriva il guizzo di Sarritzu nel finale

Sarritzu sta per segnare il gol vittoria

Storia

Ci sono partite che vanno ricordate a lungo, o se preferite, mai dimenticate. Ci sono partite che raccontano più fatti di tante altre partite messe insieme. Ci sono partite come quella che il Latina non pensava probabilmente di poter più vincere, semmai di non perdere. 

Il rischio sul sintetico di Cardito si è trasformato in esplosione di gioia, perché due uomini in meno, seppure nei minuti di recuperi, erano troppi da concedere anche all'Agragolese, tradizionale avversaria campana agonisticamente valida. 

La vittoria, che al Latina mancava dal 21 marzo in casa della Torres, è arrivata a termine di una prestazione di grande quantità, perché in certi contesti serve soprattutto il carattere in grado di supplire alle giornate meno brillanti, come tante ne secono capitate in questo girone di ritorno.

Va sottolineato come il gol lampo (40 secondi) dell'ex Energe e l'espulsione di inizio ripresa di Alonzi, siano nati da grosse disattenzioni di una difesa sorpresa da lanci in profondità, che presupponevano ben altra gestione.

Ma se le gare sono fatte di episodi, il Latina ha saputo portarli dalla propria parte. Quindi al pallonetto di Energe, ha replicato lo spendido gol di Corsetti, destro a giro sotto il "sette", poco dopo un'occasionissima capitata a Di Renzo. Il bomber è stato il sacrificato dopo il rosso ad Alonzi, lasciando il posto al dodicesimo Gallo. 

Una ripresa tutta in salita, votata al contenimento, ma con la consapevolezza della maggiore qualità, che ha colpito nel momento meno atteso. Ovvero dopo il doppio giallo ad Allegra, ma quando già da qualche minuto era in campo Sarritzu al posto di Corsetti. 

Ed il sardo ha ringraziato, raccogliendo dal capitano l'eredità del gol, realizzato dopo una fuga palla al piede, da sinistra a destra, mettendo dentro la palla a porta vuota, quando addirittura sembrava avere perso l'attimo buono per chiudere la grande azione. 

Invece tocco dell'1-2, via la maglietta perché certe emozioni valgono più del giallo. E al Latina valgono il seconod posto, racciuffato e in condominio con la Vis Artena, che ha però una partita in meno da recuperare. 

In campo

AFRAGOLESE - LATINA 1-2

AFRAGOLESE 1944 (4-4-2): Pragiola, Liguori (21’ Marzullo), De Rosa, Di Girolamo (17’ st Tommasini), Carrotta (43’ st Rochi), Fava (31’ st Simonetti), Energe, Silvestro (37’ st Camara), Viscovich, Costantino, Astarita. A disp. Esposito, Farinola, Ceparano, Simonetti, Bruno. All. Di Costanzo.

LATINA CALCIO 1932 (3-4-3): Alonzi, Pompei (31’ st Atiagli), Sevieri, Teraschi (31’ st Calagna), Di Renzo (8’ st Gallo) Corsetti (43’ st Sarritzu), Barberini, Alessandro (21’ st Calabrese), Allegra, Esposito, Giorgini. A disp. Garufi, Ricci, Orlando, Pastore. All. Scudieri.

Aribitro: Moretti di Firenze.

Assistenti: Cantatore di Molfetta e Massari di Molfetta.

Marcatori: 1’ pt Energe (A), 30’ pt Corsetti (L), 50’ st Sarritzu (L)

Note: espulsi Orlando (L) dalla panchina durante l’intervallo, 7’ st Alonzi (L) per fallo damultimo uomo, 47’ st Allegra (L) doppia ammonizione. Angoli 3-4. Ammoniti: 15’ pt Allegra (L), 15’ pt Costantino (A), 29’ pt De Rosa (A), 32’ pt Fava (A), 46’ pt Alessandro (L), 11’ st Silvestro (A). Recupero 1’ pt, 6’ st.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina epico: vittoria in rimonta in nove contro undici e secondo posto riacciuffato

LatinaToday è in caricamento