rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Sport Aprilia

Crisi tecnica dell'Aprilia, la panchina è nelle mani del patron Pezone

L'esonero di Feola dopo il ko con l'Albalonga, ma l'allarme è scattato con lo stop di Ladispoli. Futuro: Greco, Bilotta, Venturi bis o Avincola?

Finale amaro

Non ha nemmeno aspettato la fine della partita. Erano troppi quegli ulteriori cinque minuti di recupero per chi ne aveva fino alla cima dei capelli. Ecco perché Antonio Pezone ha abbandonato la tribuna guadagnanto l'imbocco del tunnel che conduce agli spogliatoi. Nel ventro del Quinto Ricci, il presidente dell'Aprilia Racing Club si è immediatamente incontrato con il diesse Alessandro Battisti per individuare il successore di Vincenzo Feola, che incerto del suo destino nel frattempo si è presentato in sala stampa imputando alla malasorte di non essersi fatta scappare anche questa occasione colpire. Giustificazione che non ha retto, a prescindere dalla realtà dei fatti spesso avversi alla sua squadra. Ma il valore degli investimenti e le aspettative della società hanno condannato Feola. Doveva sovvertire l'andazzo balbettante di inizio stagione, coinciso con l'esonero di Mauro Venturi.

Acqua passata

Proprio il nome dell'allenatore di inizio è tra quelli che fanno parte della rosa dei papabili pronti a prendere le redini nelle ultime dieci partite di campionato. Quello di Venturi è il pensiero più immediato, ma anche il più azzardato. Il tecnico romano non si è lasciato bene con il presidente Pezone, anzi già la conferma seppur meritata dopo l'ottimo sesto posto dello scorso campionato, è suonata strana rispetto all'operazione di totale rinnovamente con l'avvento del nuovo timoniere societario. Era fortemente prevedibile che al primo intoppo sarebbe saltato e così è stato dopo la sconfitta in Coppa Italia a Civita Castellana con il Flaminia e i sette punti nelle prime cinque partite di campionato. 

Soluzione interna

Se il ritorno al recente passato non convince, c'è anche la soluzione interna per portare a termine il campionato. Due i nomi. Il primo è Giovanni Greco. Il tecnico degli Under 19 Juniores Nazionale gode di grande stima da parte di Pezone. Del resto il secondo posto nel girone H alle spalle della coppia Atletico e Trastevere è un ottimo biglietto da visita. Il problema sta nell'inesperienza di Serie D e impegni professionali di Greco che renderebbero complicata la gestione tecnica della prima squadra.  Nel panorama giovanile dell'FC Aprilia Racing Club, trascorsi di Serie D li può vantare Michele Bilotta, mister dell'Under 16 Elite. Dal 2003 al 2006 ha collezionato due anni ad Aprilia (il primo con accesso ai play off) ed una chiamata in corsa a Matera (salvezza ai play out). 

Smentita social

Mettendo il naso fuori invece, di Stefano Avincola si vociferava già da sabato. Via social Pezone ha categoricamente smentito la trattativa, scrivendo di non conoscere il diretto interessato. A presciscere dall'intevento del presidente sulla rete, se è circolato il nome del tecnico romano un fondo di verità dovrà pure esserci. Dalle giovanili della Lazio alla Primavera della Ternana. Nella società umbra ha esordito in Serie B a settembre 2015 in Salernitana - Ternana 2-1. Una panchina da traghettatore durante il  passaggio del testimone dal dimissionario Mimmo Toscano al successore Roberto Breda. Anche in questo caso parliamo però di un tecnico che in Serie D non ha mai allenato e alla categoria è stato accostato all'inizio della scorsa stagione quando il Monterosi diede il ben servito a Fabrizio Ferazzoli, scegliendo poi Carlo Perrone. 

Consulenti al presidente Pezone comunque non mancano. Oltre al diesse Alessandro Battisti, può chiedere lumi a Giancarlo Sibilia, direttore tecnico del settore giovanile o ancor più al noto procuratore Franco Zavaglia, spesso ospite al Quinto Ricci. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi tecnica dell'Aprilia, la panchina è nelle mani del patron Pezone

LatinaToday è in caricamento