Latina, torna un pizzico di sereno: la Corte d'Appello riduce la squalifica a Del Duca

Difensore subito a disposizione per la trasferta di domenica a Muravera, ma la situazione resta critica. Di Napoli ancora in bilico, tifosi sempre più lontani

Sentenza

Un minimo di sereno nel bel mezzo della tempesta. Pietro Maria Del Duca torna a disposizione per la trasferta di Muravera, restituendo a Di Napoli almeno una certezza in difesa, già priva di Cazé infortunato. La Corte Sportiva d'Appello Nazionale ha ridotto la squalifica da tre a due giornate al difensore terracinese, espulso all'inizio di Latina - Lanusei. Il Latina ha presentato reclamo avverso la delidera del Giudice Sportivo, che aveva punito la condotta di Del Duca, reo di aver spinto con energia il centrocampista Attili. Episodio avvenuto in area piccola, a gioco fermo e ravvisato dall'assistente arbitrale. Tre giornate di stop apparse eccessive, per quanto fosse da censurare il gesto del difensore, amplificato dalla reazione di Attili, stramazzato a terra con le mani al volto, parte del colpo per nulla toccata dal suo avversario. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tensione

Con il pronunaciamento del secondo grado di giustizia sportiva, Del Duca sarà tra i convocati per la trasferta in Sardegna, ennesimo crocevia di un inizio stagione all'insegna della sofferenza. Ed è stata un'altra settimana di passione in casa nerazzurra, dove erano in pochi (ancora meno dei presenti al Francioni) a scommettere sulla conferma di Di Napoli sulla panchina. Ma l'allenatore, che in sala stampa dopo il pari interno con il Tor Sapienza ha rilasciato dichiarazioni forti, quanto credito ha ancora a disposizione? Quella della società, non può essere una fiducia incondizonate e soprattutto senza termine. L'episodio del tifoso, colto in flagranza di reato dopo aver portato via dagli spogliatoi materiale tecnico da lavoro, conferma una situazione di profondissima spaccaturaa tra squadra e società con tutto il resto dell'ambiente. Appare infatti un tentativo di sabotaggio, che va ben oltre i risultati deudenti maturati sul campo. La situazione si è fatta critica e siamo soltanto agli inizi di ottobre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus Latina: i contagi non si fermano, 84 casi in più in provincia. Un altro decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento