menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutti scontenti al Francioni, il Latina chiude male e l'Avellino vince senza ridere

Finisce 2-0 per gli irpini, costretti allo spareggio promozione con il Lanusei. Ai pontini annullate due reti per off side, nel dopo gara l'amarezza di Di Napoli: "Mi girano le palle per la sconfitta"

Tutti arrabbiati

Un mordente diverso, ma sono stati gli episodi a determinare il 2-0 dell’Avellino al Francioni di Latina, dove alla delusione dei pontini per avere chiuso male la stagione davanti al proprio pubblico, si aggiunge l’amarezza irpina di una promozione diretta, sfuggita all’ultimo momento. Sbotta Di Napoli a fine gara, dopo avere dato segni di nervosismo per tutta la gara: "Mi girano le palle per la sconfitta, volevamo dare una soddisfazone alla città. Sono onorato di avere allenato questa squadra e questi ragazzi". Non è un congedo, perché in settimana si vedrà con il presidente Terracciano per valutare la conferma o meno. La voglia di restare c'è e l'allenatore non lo ha mai nascosto. Non sarà influente il finale di campionato e due sconfitte. Unica soddisfazione non avere visto festeggiare sul proprio campo l'avversario, beffatto dal gol del Lanuser sul campo della Lupa Roma a 30 secondi dalla fine (2-1) e costretto allo spareggio. 

Ordine pubblico

Una decina di bombe carta esplose prima della gara e poi all'interno dello stadio in coincidenza dei settori ultras, Curva Nord e Tribuna Laterale B. E' l'unico neo di una giornata ad alto rischio, che è invece finito senza grossi problemi per la città di Latina. Le misure decise nei giorni scorsi si sono rivelate funzionali alla buona riuscita dell'evento dal punto di vista dell'ordine pubblico. Nessun contatto tra le due tifoserie, che si sono beccate a distanza con i soliti cori offensivi in buona parte neutralizzati dall'impianto acustico dello stadio, il cui volume è stato alzato come deterrente. Un'ora dopo la gara, la zona intorno al Francioni è tornata alla normalità di una tranquilla domenica primaverile. 

In campo

Nello scenario surreale dello stadio chiuso a metà e diviso a spicchi, la pressione ospite per una vittoria da centrare a tutti i costi è crescente, ma mai soffocante per il Latina, che anzi potrebbe far di meglio in contropiede, come quando al 9’Fioretti e Merlonghi arrivano in ritardo sul cross invito di Galasso. Più pericolosa l’incornata sottoporta dell’ex Dionisi, nata da uno scambio dalla bandierina al 12’. E allora il Latina ci riprova, con Fioretti: 18’ diagonale e risposta a mano aperta di Viscovo, che al 20’ la fa grossa rinviando sui piedi di Merlonghi, il quale insieme a Marino non ha il coraggio di puntare la porta e quando tocca a Cittadino è ormai troppo tardi. Dionisi ancora in evidenza sulle palle inattive al 26’, stop e girata a lato. La volta successiva è quella buona, ma ci vuole al 29’ uno scivolone di De Martino, da cui Matute e Tribuzzi, altri due ex nerazzurri, costruiscono il vantaggio di De Vena. La risposta del Latina non c’è, la rete di Fioretti al 38’ è in fuorigioco è un confronto perso a centrocampo da Atiagli, favorisce Tribuzzi che fila dritto a raddoppiare al 41’. Protestano quelli di casa, Atiagli esce per precauzione e poi rientra. A fine primo tempo si continua a protestare senza esito. Nella ripresa qualche cambio, il Latina prova ad osare. Veneziani all’11 schiaccia di poco oltre la traversa il corner di Cittadino, quindi al 26’ il diagonale di Merlonghi ben calibrato fa la classica barba al palo. E quando si vede il gol, a Veneziani viene contestato il fuorigioco al 28’. Nel finale cambi da una parte e dall’altra, Cittadino non lo gradisce affatto. Si rivede un altro ex nerazzurro, stavolta della Serie B, come Nardo Sforzini, che sfortunato, patisce un acciacco precedente ed è costretto ad uscire. Per il Latina arrivederci alla prossima stagione, per l’Avellino ancora molto da dire.

Tabellino

Latina – Avellino 0-2

Latina (3-5-2): Maltempi ; Tinti, Ranellucci, Sanna (42’st Energe sv); Galasso, Marino (1’st Veneziani), Cittadino (44’st Maiorano sv), De Martino, Atiagli; Merlonghi (33’st Minicucci), Fioretti (24’st Masini). A disp. Guddo, Manes, Barberini, Caternicchia. All. Di Napoli

Avellino (3-4-3): Viscovo; Betti, Morero, Dionisi; Tribuzzi, Matute, Di Paolantonio (12’st Gerbaudo), Parisi; De Vena, Alfageme (25’st Sforzini sv; 47’st Buono sv), Da Dalt (36’st Ciotola sv). A disp. Lagomarsini, Mentana, Carbonelli, Omohonria, Dondoni. All. Bucaro

Arbitro: Emmanuele di Pisa

Assistenti: Pedone di Reggio Calabria - Mazzarà di Messina

Marcatori: 29’pt De Vena, 41’pt Tribuzzi

Note: ammoniti De Martino, Ranellucci, Cittadino, Morero. Angoli 3-6. Recupero pt 3', st 5'. Note: spettatori 1200 circa (600 da Avellino).

...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, giù i contagi: sono 50 in provincia ma con tre decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento