rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Calcio

Aprilia raggiunto in pieno recupero dall'ex Vasco, persa l'occasione di accorciare sul Giugliano

De Crescenzo firma il vantaggio, due rigori concessi all'Ostiamare. Il primo parato Zappalà a Mastropietro da Zappalà, che poi commette il fallo del secondo penalty che vale il pareggio. Terza partita senza vittoria, nel giorno in cui la capolista incappa nella prima sconfitta

Analisi

Un pareggio amaro per l’Aprilia nella sfida casalinga contro l’Ostiamare, nel giorno in cui la sconfitta inaspettata del Giugliano in Sardegna avrebbe consentito di posizionarsi alle calcagna della capolista. Nella considerazione di una stagione al momento eccellente, la vittoria manca però da tre gare. Conseguenza del fisiologico assestamento del campionato, in cui i valori di tutte le concorrenti salgono e i match non sono così scontati. Tanto più se l'avversario è l'Ostiamare, costruito per un altro tipo di campionato, rispetto a quello di alti e bassi disoutato sino ad oggi. Sfortuna vuole che il pareggio lidense sia arrivato quando c'era meno da aspettarselo, peraltro sul secondo dei rigori concessi all'avversario, cosa che in trasferta non capita tutti i giorni. Così come che ha doverlo trasformare sia un ex, nel caso Vasco in pieno recupero. 

Cronaca

Al 6’ accelerazione di Njambe, palla per Succi che crossa per Cruz, palla allontanata dalla retroguardia biancoviola. Al 10’ grande azione personale di Njambe, conclusione potente di sinistro, respinge Trovato. Al 18’ parte in contropiede l’Aprilia con Succi che, servito da Njambe, s’invola verso la porta avversaria e viene fermato fallosamente al limite da Camara: Santarelli ci prova su punizione, la barriera devia in corner. Al 22’ cross di Bertoldi, Mastropietro anticipato da Battisti in angolo. Al 23’ il vantaggio dell’Aprilia: Succi allarga per Pollace, cross teso in mezzo per De Crescenzo che batte Trovato per l’1-0. Al 37’ palla in profondità per Njambe, stop in area e cross in mezzo per Succi che viene anticipato. Nella ripresa al 4’ azione insistita dell’Ostiamare con Mastropietro che, dopo una respinta di Zappalà, viene fermato in area con l’arbitro che assegna il rigore. Dal dischetto va lo stesso Mastropietro che si fa ipnotizzare da  Zappalà che intuisce l’angolo e blocca la sfera. Al 13’ ancora Ostiamare pericolosissima in avanti con il pallone che arriva a Lorusso che trova una straordinaria respinta di Zappalà. Al 30’ palla in profondità per Sabelli, Zappalà anticipa perfettamente il centrocampista biancoviola. Al 33’ ancora Ostiamare pericolosa in avanti con Sabelli, che svirgola il cross mettendo direttamente sul fondo. Al 38’ Lorusso ci prova dalla sinistra, Battisti salva sulla linea di porta mettendola in corner. Al 39’ Bianciardi dal limite, palla a lato. Al 42’ tentativo di Njambe dalla distanza, destro di poco alto. Al 44’ doppio tentativo di Vasco che si conclude con un nulla di fatto. Al 46’ lancio lungo per Lorusso, Zappalà commette fallo sull’attaccante e l’arbitro non ha dubbi sull’ assegnare il penalty: Vasco di destro batte Zappalà per l’1-1. Dopo 5 minuti di recupero termina così: Aprilia - Ostiamare impattano 1-1.

APRILIA - OSTIAMARE 1-1

APRILIA Zappalà, De Crescenzo, Succi, Pollace, Falasca, Cruz (40’st Mannucci), Njambe, Ceka, Battisti, Santarelli (28’st Mbaye), Corelli. A disp. Salvati, Bernardini, Pezone, Mattarelli, Palmieri, Delli Colli, Talamonti. All. Galluzzo

OSTIAMARE Trovato, Lazzeri, Camara, Pellacani (26’st Vasco), Sbardella, Sossai, Bertoldi, Sabelli, Ippoliti (38’st Matteoli), Mastropietro (38’st Bianciardi), Lorusso. A disp. Giori, Rossi, Berardi, Vagnoni, Compagnone, Sordilli. All. Gardini

ARBITRO Migliorini di Verona

ASSISTENTI Gentile di Isernia - De Gregorio di Isernia 

NOTE - Al 4’st Mastropietro (O) si fa parare un rigore da Zappalà (A) Ammoniti Succi, Falasca, Bertoldi Rec 2’pt 5’st.

MARCATORI De Crescenzo 23’pt (A), Vasco rig. 47’st (O)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aprilia raggiunto in pieno recupero dall'ex Vasco, persa l'occasione di accorciare sul Giugliano

LatinaToday è in caricamento