Giovedì, 18 Luglio 2024
Calcio

Non basta la buona volontà contro il Catanzaro, Latina sconfitta di misura

Un gol di Biasci alla mezzora del primo tempo decide una partita generosa dei pontini, che difettano però in fase offensiva. Il primo pericolo è nella ripresa, su errato retropassaggio di Brighenti. Nel recupero prodezza di Fulignati su Bordin. Amadio in ospedale dopo una pallonata

Sconfitta onorevole del Latina al cospetto del Catanzaro, che passa di misura al Francioni con l'acuto di Biasci nel primo tempo. Molta buona volontà dei pontini, soprattutto nella ripresa, dove inun paio di circostanze avrebbero potuto un pareggio prestigioso contro un avversario gigante.

Il primo tempo rispecchia i valori delle due squadre, malgrado il Latina si oppone al Catanzaro, provando a fare sentire la presenza nella metacampo ospite.  Ovviamente i calabresi si comportano da prima della classe giocando a memoria e mostrando una miriade di soluzioni. Ci vuole così un attento Tonti a disinnescare le conclusioni dei giallorossi. La prima è del 10’, piattone a giro di Iemmello dal limite, il portiere di distende e blocca. Al 22’ Tonti è prodigioso nello schermare in uscita Vanderputte, su servizio di Iemmello. Alla mezzora però nulla può sul taglio di Vanderputte, che trova Biasci perfetto nell’inserimento e sontuoso nell’esterno sotto la traversa. 

Ci prova nel secondo tempo il Latina a dare fastidio al Catanzaro, ma per rendersi effettivamente pericolosa, ci vuole pertanto un errato retropassaggio al 26’ di Brighenti, che sorprende da Fulignati, ma per Belloni il pallone è irraggiungibile. Scongiurato il rischio, il Catanzaro al 28' può chiudere il conto con Curcio: cross di Scognamiglio, lo stop e la conclusione dell'attaccante sono un tutt'uno, la risposta di Tonti è eccezionale. Al 36' Latina in dieci per il doppio giallo di ad Esposito, ma nel secondo minuto di recupero, Fulignati vola all'angolo e sventa un pareggio già fatto. 

Amadio

E' tenuto sotto osservazione all'ospedale Santa Maria Goretti di Latina il centrocampista nerazzurro Stefano Amadio, uscito al 35' della ripresa dopo essere stato colpito da un una pallonata in testa. Gli esami strumentali hanno comunque dato, fortunatamente esito negativo. 

LATINA - CATANZARO 0-1

LATINA (3-5-2): Tonti; Cortinovis, Esposito, Celli; Sannipoli, Di Livio (29’st Riccardi), Amadio (35’st Bordin), Tessiore, Carissioni; Belloni (29’ Fabrizi), Margiotta (41’st Pellegrino). A disp Cardinali, Giannini, De Santis, Barberini, Di Mino, Nori, Gallo. All. Di Donato

CATANZARO (3-5-2): Fulignati; Martinelli, Brighenti, Scognamiglio; Situm (18’st Tentardini), Cinelli (18’st Curcio), Ghion, Verna, Vanderputte; Biasci (35’st Cianci), Iemmello (49’st Welbeck). A disp. Rizzuto, Sala, Welbeck, Fazio, Gatti. All. Milani

ARBITRO: Monaldi di Macerata

ASSISTENTI: Votta di Moliterno – Stringini di Avezzano

4° UOMO: Calzavara di Varese

MARCATORE; 30’pt Biasci

NOTE: espulso al 36’st Esposito per doppia ammonizione. Ammoniti Margiotta, Di Livio, Amadio, Carissoni, Biasci, Brighenti, Martinelli. Angoli 3-2. Rec. pt 2', 4'st. Spettatori 2774, di cui 484 abbonati. Spettatori ospiti 1139.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non basta la buona volontà contro il Catanzaro, Latina sconfitta di misura
LatinaToday è in caricamento