rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Calcio

Latina Calcio: quella cavalcata play off, che non vuole fermarsi sul più bello

La posizione dei pontini è messa a rischio dal calo fisiologico e l'ampia concorrenza anche di grandi piazze, a partire dal Catania passato a Benedetto Mancini. Per qualificarsi servono almeno altri sette punti e il calendario non è dei migliori. La corsa di Di Donato riparte da Messina

Il 7 agosto 2021, giorno del ripescaggio in Lega Pro, non molti avrebbero pensato ad un finale di campionato in cui la parola ricorrente sarebbe stata play off. Eppure, oggi che l'obiettivo è a rischio, la piazza di Latina storce il naso. Non è un problema solo pontino, perché le aspettative sono spesso figlie dei risultati del momento, lontane da analisi ponderate dei valori e le forze in campo. Se il giusto sta nel mezzo, il Latina non è da primissima fascia, ma meriterebbe un posto nei play off per l'accelerata che Di Donato e i suoi hanno saputo dare dal giorno dell'ultmo posto in classifica, il 24 ottobre dopo la sconfitta per 2-1 a Potenza. Dal 19 febbraio però il 3-2 alla Vibonese e la salvezza "matematica" a quota 41, hanno segnato il cambio di passo. In negativo. Soltanto tre punti nelle successive sei gare, mezzo punto a partita. Serve una reazione d'orgoglio, perché chiudere così sarebbe inglorioso. 

Classifica

La classifica dice che oggi il Latina è nono a quota 44, decimo il Catania (la Corte Federale d'Appello ha confermato i due punti di penalizzazione), insieme a Monterosi, Picerno e Juve Stabia. Molte le contendenti, qualcuna di maggior blasone. Nei recuperi di mercoledì, la vittoria del Catania ad Avellino ha spostato gli equilibri della classifica. Etnei con il conforto di un nuovo presidente ed un pubblico importante, partono da presupposti determinanti per centrare i play off, che lo stesso Benedetto Mancini, ex patron del Latina, aveva indicato, alla vigilia dell’asta, come obiettivo possibile. Occhio anche a Picerno che ha una gara in meno e la Juve Stabia se risolve i problemi interni. Il Monterosi, matricola insieme al Latina, è in ascesa e vive di entusiasmo che può portare lontanto. Due gare in meno per Campobasso a quota 40, ma obiettivamente è concentrato sull’aspetto salvezza. Manca un mese esatto per definire le gerarchie, il calendario può consentire qualche valutazione, che necessità però di essere confermata dal campo.

Calendario

Il Latina ha tre partite esterne e due in casa. L'aspetto ambientale si lega alle velleità delle avversarie. Domenica trasferta a Messina, in piena lotta per evitare i play out. Il 3 aprile al Francioni arriva un Bari che tra questo e il turno successivo vorrà chiudere il discorso promozione. Poi match a Catania, diretta concorrente per gli ultimi posti utili per entrare nei play off. Alla vigilia di Pasqua il Latina riceve il Monopoli, che ha serie possibilità di arrivare terza con tutti i benefit che ne comporta. Ultima giornata Latina di scena al Rocchi di Viterbo contro il Monterosi. Match che potrebbe essere uno scontro diretto. 

Quota play off

La proiezione di questo stabilisce chiaramente che la quota per il decimo posto, ultimo posto utile per i play off, si è alzata. Serviranno almeno 51, 52 punti per sentirsi dentro il perimetro della poul promozione. Di Donato ci spera concretamente al suo terzo anno in Lega Pro, di cui il primo ad Arezzo, si è conluso con un nono posto nonostante il quale la società, nel dopo lock down sfruttò la facolta di non prendervi parte. Ci spera il Latina, che non partecipa ai play off dalla stagione 2012-2013, quando la Serie C1 si chiamava Prima Divisione e finì con la promozione in Serie B. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina Calcio: quella cavalcata play off, che non vuole fermarsi sul più bello

LatinaToday è in caricamento