rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Calcio

L'ex ministro dello sport Spadafora: "Non ci sono i ristori adeguati per le società"

Vincenzo Spadafora, ex Ministro dello Sport, parla della situazione delle tante società sportive italiane, tra cui quelle calcistiche, alle prese con l'ennesimo stop

Lo stop dei campionati dilettantistici - in attesa della ripresa attualmente fissata per il 23 gennaio - preoccupa tante società. Il Covid-19 ha avuto negli ultimi due anni un impatto devastante sui club dalla Serie D in giù, che si trovano a fare i conti con una situazione difficile e molto spesso poco supporto da parte delle istituzioni. Un grido d'allarme è arrivato da Vincenzo Spadafora, deputato ed ex Ministro dello Sport. Le sue parole attraverso Facebook:

"Lo Sport di base è in difficoltà forse ancora più degli ultimi due anni. A fronte delle ulteriori restrizioni, non ci sono i ristori adeguati. Ricevo centinaia di messaggi di realtà sportive che stanno chiudendo. Mi impegnerò perché nel prossimo scostamento di bilancio, che stiamo chiedendo a gran voce, ci siano almeno i ristori necessari per ASD, SSD e collaboratori sportivi ma serve un interesse forte del Governo che fino ad oggi ha latitato. Nel tempo ci renderemo conto del danno economico e sociale che avremo se continueremo a sottovalutare l’importanza dello Sport per tutte e tutti. Non tocca più a me ma per quello che è nelle mie possibilità, ce la metterò tutta!".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex ministro dello sport Spadafora: "Non ci sono i ristori adeguati per le società"

LatinaToday è in caricamento