Aprile e Facci confermano Vivarini: “È la persona giusta per raggiungere i nostri obiettivi”

Il vice presidente e il diesse nerazzurri confermano la fiducia al tecnico nonostante i soli 10 punti conquistati nelle prime 11 giornate: “La squadra è giovane, ha bisogno di tempo e serenità”

Antonio Aprile

Dieci punti in classifica, una vittoria, sette pareggi e quattro sconfitte, non sono lo score che tutte le società auspicherebbero. Ma anche se l’inizio di stagione del Latina non è stato dei migliori, la società ribadisce la fiducia in Vivarini. Lo fa attraverso le parole del vicepresindete Antonio Aprile e del diesse Facci.

SERENITÀ – È proprio il vicepresidente a difendere strenuamente le scelte fatta l’estate scorsa, pur con la consapevolezza dei grossi rischi che esse possono comportare: “Non è accettabile in una situazione come quella che stiamo passando. Abbiamo fatto delle scelte per poter raggiungere i nostri obiettivi. Ma il rapporto con il mister non è mai stato in discussione”. Dunque la panchina di Vivarini non scricchiola e mai scricchiolerà fino al prossimo giugno, al netto di situazioni imponderabili che in società tendono a escludere. Si fa quadrato intorno al mister e alla scelta di proporre una rosa giovane, altro elemento che sicuramente può produrre dei risultati altalenanti: “Stiamo puntando sui giovani e su un progetto importante, ma abbiamo bisogno di serenità. Personalmente sono certo che il momento che stiamo vivendo passerà in fretta. Abbiamo anche incontrato Vivarini per tranquillizzarlo”.

FIDUCIA NEL MISTER – Gli fa eco Facci: “Siamo convinti delle capacità di Vivarini. È il professionista giusto per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissi. Spesso in passato siamo stati criticati per i cambi repentini di allenatori. Lo vediamo lavorare tutti i giorni, è la persona giusta”. Tempo e serenità la ricetta giusta per riemergere dai bassifondi della classifica. Lo impone l’età media della squadra sensibilmente abbassatasi rispetto alle stagioni passate: “Per questo motivo i nostri ragazzi hanno bisogno del supporto di tutti. Le critiche ci stanno, ma noi siamo convinti di salvarci”. E sulle scelte tattiche, come l’indugiare sul 3-5-2 che non ha fin qui portato grossi risultati dice non entra nel merito: “La tattica è competenza del mister, sulle sue scelte non mettiamo bocca. Se ribadiamo la fiducia in lui è perché riteniamo sia un professionista valido, e che la squadra abbia un potenziale ancora inespresso. Non siamo autolesionisti. Errori nel mercato? Sono sempre critico con me stesso, sicuramente ne sono stati commessi. Ma a volte sono le contingenze a importi delle scelte, come quella di avere una rosa così numerosa. Nica? Si aggregherà questa settimana”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

BILANCIO – Non sono mancati gli spunti per parlare della situazione finanziaria e del legame con Pietro Leonardi, che secondo alcuni lavorerebbe seppur sottotraccia con la società. Ma Aprile smentisce tutto: “Le sue dimissioni e la firma della risoluzione sono agli atti. Noi restiamo al timone della società, ma siamo sempre aperti a nuovi ingressi”.
“La situazione più rosea di quanto si paventasse – spiega il responsabile finanziario Giampiero Sisto. “La situazione debitoria non desta grossi problemi e il bilancio è a posto, altrimenti avremmo avuto problemi con la Covisoc. C’erano da sistemare questioni legate alla gestione quotidiana, e in tal senso abbiamo cercato di abbattere i costi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus Latina: i contagi non si fermano, 84 casi in più in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuovo picco di contagi: sono 75 in provincia, 22 solo a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento