Daniele Nardi sul Nanga Parbat: nessuna notizia dall’alpinista da 48 ore

L’ultima comunicazione domenica; l’alpinista di Sezze impegnato nella scalata all’8mila pakistano, tra le montagne più alte del mondo, passando per lo sperone Mummery

Nessuna comunicazione nelle ultime 48 ore da parte di Daniele Nardi, l’alpinista originario di Sezze impegnato nella scalata in inverno al Nanga Parbat, l’8mila pakistano tra le montagne più alte del mondo, passando lungo lo sperone Mummery, su una via mai percorsa. 

Insieme a Nardi nel tentativo di questa impresa l'inglese Tom Ballard. L’ultima notizia dell’alpinista risale a due giorni fa quando, da quanto si apprende, si sarebbe messo in contatto con la moglie. Sempre domenica 24 febbraio nell’aggiornamento sull'ultima comunicazione con Daniele Nardi fornito dal suo staff attraverso la sua pagina Facebook si legge: “Daniele ci ha appena comunicato che sono arrivati a circa 6300 metri, forse anche qualcosa in più! Sono saliti lungo un camino diverso da quello salito con Elisabeth. Sono andati su leggeri, ora stanno scendendo a C4. Il meteo non è buono, c'è stata nebbia, nevischio e raffiche di vento”. 

Per lo staff di Daniele Nardi l’assenza di comunicazione potrebbe essere legate a mancanza di campo o alle condizioni non buone del tempo che renderebbero difficili i collegamenti. “Siamo in attesa di ricevere conferme sulla loro posizione, si presume che non abbiano segnale per comunicare; il cielo è nuvoloso e quindi non si riesce a vedere oltre campo 3” si legge nell’aggiornamento di oggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento