Sport

Latina nominata “Città Europea dello Sport”, la cerimonia a Bruxelles

Importante riconoscimento assegnato dall'Aces (Assosciazioni tra le città europee dello Sport) al capoluogo pontino che ora sarà ambasciatrice dello sport: L'investitura domani 7 novembre

Latina nominata “Città Europea dello Sport”. L’importante riconoscimento è stato assegnato al capoluogo pontino dall’Aces (Assosciazioni tra le città europee dello Sport), ente benemerito riconosciuto dal Coni, che promuove la Federazione delle capitali e città europee dello sport per collaborare allo sviluppo della cultura e della pratica sportiva.

Latina è stata, quindi, scelta fra le dodici città europee dopo una severa selezione e sarà ambasciatrice dello sport; l’investitura ufficiale avrà luogo nel pomeriggio di domani presso la sede del Parlamento Europeo a Bruxelles alle 16.30.

“La delegazione europea – come fa sapere il Comune con una nota - ha visitato la città di Latina lo scorso mese di settembre assegnando un punteggio in base ai criteri stabiliti per la selezione: presenza di impianti sportivi, numero di società e associazioni sportive, numero di tesserati in rapporto agli abitanti, qualità e quantità di iniziative sportive, propensione alla pratica e all’avvicinamento all’attività sportiva, ecc. I membri della Commissione di valutazione della candidatura, presieduta da Gian Francesco Lupattelli, hanno ritenuto idonea la città di Latina ad essere riconosciuta quale Città Europea dello Sport”.

A Bruxelles, la delegazione di Latina sarà guidata dal sindaco Giovanni Di Giorgi, e composta anche dall’assessore allo Sport Rino Cecere, dal presidente della Commissione Sport, Angelo Tripodi, e dal dirigente di settore Mario Viglialoro.

“Siamo orgogliosi di aver ricevuti questo riconoscimento – afferma il sindaco Di Giorgi – che ci consentirà non solo di fregiarci di questo titolo e di poter quindi veicolare l’immagine della città, ma anche di poter accedere a forme di finanziamento agevolate per le iniziative e per l’impiantistica sportiva. Sono convinto che questo possa portare benefici importanti a tutto il movimento sportivo della nostra città”


GIAN FRANCESCO LUPATTELLI, PRESIDENTE DI ACES ITALIA -  “L'obiettivo di aggiudicare il premio di capitale europea della Sport è un impegno etico consapevole della funzione sociale che lo sport ha come fattore di aggregazione tra il benessere fisico degli individui, il miglioramento generale della loro qualità di vita e l'integrazione armoniosa nella società.
Il premio di capitale europea della Sport è un incentivo per le amministrazioni locali e i loro dipartimenti di sport a soddisfare una fondamentale e determinante fabbricazione delle basi che contribuiscono a migliorare il livello generale di salute degli abitanti in un paese, attraverso la cultura del sano esercizio fisico. I suoi compiti consistono nella creazione delle politiche dello sport per lo sviluppo delle infrastrutture e modelli di gestione che favoriscono allo sport di facilitare lo sviluppo sociale di processi di integrazione nelle aree sociali più svantaggiate della società: disabili, anziani, gli adolescenti in situazioni a rischio e gli immigrati.
Le città che hanno ottenuto il titolo di capitale europea della Sport sono considerate positivi ed etici esempi di politica sociale che deve essere attuata in altri contesti; nelle strategie, nei concetti e nella distribuzione di programmi. Questa iniziativa deve essere vista dalle città europee come un progetto comune, assume i caratteri di un quadro istituzionale di responsabilità etica
”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina nominata “Città Europea dello Sport”, la cerimonia a Bruxelles

LatinaToday è in caricamento