rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Sport Piazzale Natale Prampolini

Calcio, Latina: fotografia di una cavalcata impensabile a inizio stagione

Al debutto assoluto in Serie B, i pontini hanno disputato un campionato di assoluto livello, combattendo fino all'ultimo per la promozione in Serie A. La sconfitta col Cesena lascia amarezza ma fa parte di un processo di crescita

A meno di 24 ore dal fischio finale di Latina-Cesena, l'amarezza nel capoluogo pontino é ancora tanta. Difficile, difficilissimo, scrollarsi di dosso la delusione per essere arrivati ad un passo da quella che sarebbe stata una storica doppia promozione, dalla Lega Pro alla Serie A. Il verdetto del campo però va accettato, specialmente se il risultato é stato lo stesso nelle due gare: il Cesena ha meritato la vittoria sul campo. Cosa abbia fatto la differenza? Difficile dirlo, probabilmente la maggior esperienza del gruppo di Bisoli, o forse più semplicemente gli episodi. Le due finali perse contro i romagnoli però, non possono assolutamente cancellare quanto di buono fatto in questa indimenticabile stagione 2013-2014. 

É necessario ricordare che il Latina si affacciava da assoluta debuttante alla cadetteria, dopo una storica promozione conquistata ai playoff contro il Pisa. Salutato Sanderra, la dirigenza pontina ha deciso di affidarsi ad un tecnico più scafato nella realtà della B come mister Auteri. L'impatto del tecnico calabrese però non é stato dei migliori: oltre ad un progetto tattico che non ha convinto la dirigenza, ci sono stati problemi ambientali con la tifoseria e si é deciso per l'esonero. La svolta nella stagione del Latina é stata proprio questa: via Auteri, dentro Breda, un tecnico giovane, riservato e con un'idea di gioco estremamente efficace. 

Il tecnico trevigiano ha fatto del Latina una squadra concreta, é riuscito ad esaltare le caratteristiche dei singoli. Registrando la fase difensiva con il suo 3-5-2, ne ha fatto una macchina da contropiede: con due frecce come Alhassan e Ristovski e un'arma letale come Jonathas, il Latina é arrivato a inanellare una serie di risultati utili consecutivi impressionanti. Dopo aver passato le prime giornate nei bassifondi della classifica la squadra pontina ha iniziato a stazionare stabilmente nella zone nobili del campionato, fino ad arrivare alla seconda posizione. La squadra é volata sulle ali dell'entusiasmo e ha perso qualche colpo solo nelle ultime giornate dopo una cavalcata impensabile. Va detto che il Palermo ha fatto sin da subito un campionato a sé, e che l'Empoli può vantare nella sua rosa elementi di spicco come Maccarone e Tavano, oltre a tanti giovani interessanti. La promozione diretta era affar loro. 

Alla fine il Latina é arrivato al terzo posto nella regular season, centrando i playoff: un traguardo imponderabile ad inizio stagione, quando le ambizioni erano quelle di una salvezza tranquilla. La squadra di Breda si é tolta la soddisfazione di avere ragione del Bari, una squadra che viveva un momento di forma sensazionale e che poteva contare su un tifo che non si vede neanche in Serie A. Nonostante ciò, nel doppio confronto i pontini hanno avuto la meglio e sono arrivati in finale. Hanno consentito alla città d'immaginare il doppio derby con Lazio e Roma, affrontare le corazzate della massima serie.

Il sogno é sfumato, ieri sera, ma non importa: di questa stagione resterà un ricordo indelebile sia nella mente dei tifosi, sia in quella dello splendido gruppo che dal campo li ha fatti sognare. Adesso la palla passa alla dirigenza: confermare Breda e il suo staff tecnico e mantenere lo zoccolo duro della squadra. Bisognerà fare un gran mercato e ripartire con la certezza che il Latina non é più la Cenerentola della Serie B, ma una squadra con ambizioni importanti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, Latina: fotografia di una cavalcata impensabile a inizio stagione

LatinaToday è in caricamento