Latina Lido Triathlon Sprint, buona la prima: ottimo esordio per la gara al mare

Tra gli uomini trionfa il pontino Davide Salati oggi atleta della Minerva Roma: "La vittoria nasce da Latina, la mia città". Nelle donne vince Elisa Terrinoni, anche lei della Minerva Roma

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

E’ partito dalla Latina Triathlon per tornare a casa sua e strappare gli applausi degni del primo posto assoluto. A 19 anni per Davide Salati, oggi atleta della Minerva Roma, è la più grande soddisfazione della sua promettente carriera.  E’ il giovanissimo pontino a vincere la Latina Lido Triathlon Sprint, gara promozionale che segna il debutto ufficiale della Latina Triathlon nel palcoscenico delle società organizzatrici. 

“La vittoria nasce da Latina, la mia città – le prime parole di Salati –, dedico la vittoria a mio padre e ringrazio il coach Alessio Grassucci e tutto lo staff della Latina Triathlon, da dove ha avuto inizio questa esperienza che mi auguro importante”. 

La macchina organizzativa, che si è messa in moto da tempo, ha raccolto i consensi dei duecento partecipanti, molti dei quali giunti da fuori, trovando una suggestiva location tra mare e montagna. Uno scenario ideale in cui è stato facile ricavare le distanze della triplice: dal nuoto (750 mt) a Capoportiere, alla bike (21 km) sul lungomare verso il Monte Circeo, fino al run (5km) in via del Lido che ha accolto l’arrivo di appassionanti sprint conclusivi.

Davide Salati in poco più di un’ora (1:03:56) accende il pubblico che incita l’atleta di casa, che stacca di quasi 20 secondi (1:04:17) il brasiliano Rogerio Galvao della romana Podistica Solidarietà. E’ un altro giovanissimo, appena 16 anni, Alessandro De Angelis della Minerva Roma, a chiudere il podio con 5 secondi di ritardo da Galvao (1:04:22).

All’insegna della Minerva Roma anche il podio femminile, in cui il gradino più alto è andato ad Elisa Terrinoni (1:11:43), 36esima assoluta, in volata con la compagna di squadra Francesca Desideri (1:12:04), che, entrambe sedicenni, hanno ampiamente scalzato la concorrenza, che si è palesata dopo tre minuti con Camilla Martinelli della Due Ponti di Roma (1:15:30). E’ giunta quarta Anna Quagliaro (1:16:16) del Team Udine ma residente a Priverno, di cui è originario il marito Danilo Paniccia, che con la stessa società è arrivato sesto (1:06:11), facendo meglio di Sebastian Pedraza (1:06:38), atleta di prestigio in forza ala Total Fitness.

Nella Latina Triathlon il primo atleta a tagliare il traguardo è stato Luca Damiani, trentaquattresimo assoluto con 1:11:19; tra le donne Fiorenza Zorzetto (1:18:06) quinta assoluta nella categoria femminile e prima nella S2, dove il podio si è colorato esclusivamente della Latina Triathlon, seconda Eleonora Gabriel (1:23:41) e terza Federica Giamberardini (1:28:17). Sempre per la Latina Triathlon nella categoria S1 si è classificato primo Ulisse Rapone (1:14:49), nella S2 donne secondo posto a Cristiana Cepollaro (1:28:55), nella M2 donne primo posto a Luisa Abbate (1:21:47)

Le due “leggende” di questa giornata rispondono ai 77 anni di Giuseppe Monda della Asd 3.4 Fun e ai 76 di Egidio Cristofoletti della Triahlon Ostia. 

Tutte le classifiche, sia generali che di categoria, sono disponibili sulla piattaforma ww.tds-live.com.

L’analisi del territorio e le condizioni di viabilità hanno consentito una regolare giornata di sport, compatibilmente con le necessità di bagnanti e commercianti del lungomare, in una domenica decisamente estiva. 

La pioggia di consensi dà ragione alla Latina Triathlon Maione Store, che comincia a progettare per il 2018: “Vogliamo che questo sprint a Latina diventi una gara rank (competitiva) nel calendario Fitri – dichiara il presidente  Benedetto Paolo Faralli –, abbiamo la fortuna di una splendida location naturale e tanto più oggi, ma non solo da oggi, la Latina Triathlon si è dimostrata una società seria e di sicuro affidamento per gli addetti ai lavori”. 

Torna su
LatinaToday è in caricamento