rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Sport

Latina e Vicenza non si fanno male: pari alla prima per Iuliano

Finisce 0-0 al "Francion". I pontini giocano bene nel primo tempo quando colpiscono una traversa con Sforzini. Meno emozionante la ripresa, che si anima solo nel finale, quando il Latina cala e il Vicenza va tre volte vicino al gol

Non si poteva chiedere a Iuliano di risolvere i problemi del Latina dopo solo dieci giorni di lavoro. Certo è che almeno nel primo tempo si è visto un buon Latina, contro una squadra come il Vicenza, che dimostra di potersela giocare contro chiunque. Il calo atletico, e la pesante assenza di Viviani hanno rischiato di pesare nel finale, quando il Vicenza ha avuto tre match point maldestramente sciupati. Un buon pari che paradossalmente muove abbastanza la classifica, visti i risultati delle dirette concorrenti. Ma servono innesti, soprattutto a centrocampo e in attacco. La dirigenza è avvisata. 

OUT IL CAPITANO - Salta agli occhi l’assenza di Viviani, che non recupera dall’attacco influenzale e non compare neppure in panchina. La scelta più logica è quella di affidarsi al meno geometrico ma più granitico Bruno, che si piazza al centro della mediana affiancato da Crimi e Valiani. Pur essendo ancora in fase embrionale, il gioco del Latina ha il suo perché: la squadra cerca di tenere corte le distanze tra i reparti, e di arrivare in porta non attraverso azioni estemporanee, ma con il fraseggio ragionato. Come previsto, è il settore destro quello sul quale si appoggia maggiormente il gioco dei pontini, con un Ristovski già tirato a lucido, come conferma un grande recupero difensivo a metà tempo su Giacomelli.
Meno frequenti le propulsioni sul versante mancino, anche se da lì si genera l’azione più pericolosa del primo tempo, al 19’, quando Bruno pesca in verticale Valiani, che va sul fondo e confeziona la più facile delle palle gol a Sforzini, il quale sotto porta trova sì il pallone, ma anche la traversa.
L’altra grande occasione arriva al 45’, quando Pettinari incoccia bene sul pallone proveniente dalla destra, ma non imprime la giusta forza. E’ un buon Latina, alto, spavaldo e aggressivo, che mette in difficoltà un Vicenza che non fa le barricate, ma che non riesce a impensierire a dovere Di Gennaro.

LE PAGELLE 

SECONDO TEMPO – Ci si aspetterebbe un secondo tempo emozionante, o quanto meno sulla falsariga del primo, e invece le due formazioni per almeno venti minuti non fanno molto per scongiurare abbiocchi e sbadigli. I pontini continuano ad attaccare, questa volta prediligendo il settore sinistro che può contare su un Alhassan in ottima forma, ma manca sempre il famoso quid, ovvero un attaccante che sia in grado di far gol. Iuliano toglie presto l’evanescente Pettinari inserendo il più pesante Paolucci, ma l’ex centravanti del Siena si fa vedere solo per un cross dalla destra perfetto per il manuale dell’anticalcio. Più positivo Shekiladze, entrato per Crimi, che alla prima palla decente tenta il tiro dalla distanza bloccato da Vigorito. Il Vicenza agisce solo di ripartenza, facendo capire che un pareggio non sarebbe sgradito, tuttavia i veneti hanno tre occasioni per fare il colpaccio. Se il tiro di Di Gennaro al 27’ (sinistro dal limite fuori di poco) non può essere ascritto tra le chance clamorose, ben più gravi sono i due errori che l’ex (fischiatissimo) Petagna commette sotto porta al 31’ e al 41’, scaraventando il pallone in curva all’altezza dell’area piccola.
Il Latina cala, complice soprattutto l’infortunio di Bruno, il garante degli equilibri tattici, che lascia il posto a Sbaffo, costringendo Iuliano ad arrangiarsi con un centrocampo composto da cursori e fantasisti, più tre attaccanti puri. Il Vicenza annusa il colpaccio, e con Giacomelli sfiora ancora il gol a due minuti dal termine. Finisce zero a zero. L’avventura di Iuliano parte con un pareggio, per curare la pareggite e la sterilità offensiva servirà del tempo.

LATINA (4-3-3) Di Gennaro; Angelo, Brosco, Dellafiore, Ma. Alhassan; Crimi (25’st Shekiladze), Bruno (29’st Sbaffo), Valiani; Ristovski, Sforzini, Pettinari (8’st Paolucci). A disposizione: Farelli, Bruscagin, Milani, Talamo, Maciucca, Shaninas. All. Iuliano

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Camisa, D’Elia; Sbrissa (18’st Moretti), Di Gennaro, Cinelli; Laverone, Cocco (27’st Petagna), Giacomelli. A disposizione: Truani, Mo. Alhassan, Spiridonovic, Garcia Tena, Manfredini, Lores, Mancini. All. Marino

Arbitro: Ros di Pordenone

Marcatori:

Ammoniti: Camisa (V), Valiani (L), Crimi (L), Di Gennaro (V)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina e Vicenza non si fanno male: pari alla prima per Iuliano

LatinaToday è in caricamento