Sport

Nanga Parbat, dopo l’incidente Nardi non si arrende: riparte e punta al Campo 3

Superato l’incidente dei giorni scorsi, l’alpinista di Sezze è pronto a ritornare sulla montagna con i suoi compagni di spedizione; approfittando bel tempo previsto per i prossimi giorni si punta ora al Campo 3

Dopo l’incidente dei giorni scorsi, Daniele Nardi non si arrende e sale sulla montagna: obiettivo il Campo 3.

“Non so perché sono ancora vivo ma è così” aveva dichiarato l’alpinista di Sezze che sta tentando la sua quarta spedizione sul Nanga Parbat ed è ora pronto a ritornare sulla montagna con i suoi compagni di spedizione Alex Txikon e Ali Sadpara.

Fortunatamente la caduta occorsa la settimana scorsa a circa 6000 metri di quota, non ha procurato a Nardi ferite gravi: alcuni giorni di riposo al campo base gli sono stati essenziali per recuperare le forze e la concentrazione necessaria alla salita.

Le previsioni meteo annunciano infatti tempo buono per i prossimi giorni, pertanto gli alpinisti cercheranno di proseguire sulla via Kinshofer e raggiungere campo 3 per completare l’acclimatamento.

"Dopo la caduta sono tornato a campo base da solo – spiega Nardi -. Non ho voluto che i miei compagni scendessero con me per non perdere il lavoro fatto, ma scendere da solo è stato difficilissimo perché non avevamo fissato le corde sulle rocce, era tardi e quindi in discesa ho dovuto attrezzare tutto di notte. Il lavoro però è stato utile per le prossime salite. La cosa più dura è stata superare lo shock della caduta e anche per quello ho deciso di tornare sulla montagna, ho sempre affrontato i miei mostri. Non so perché, ma mentre scendevo mi è venuto in mente Bear Grill...chissà se se la sarebbe cavata sulla Kinshofer!”.

Ora il team è pronto a tornare sulla montagna e a sfruttare la finestra di bel tempo prevista per questi giorni. “I tre lasceranno il campo base nelle prossime ore - è stato spiegato -: il piano è di risalire le corde fisse installate sulla via Kinshofer fino a 6500 metri, e poi proseguiranno nel tratto successivo che li porterà ai 6700 metri di quota di campo 3, per poi ridiscendere al campo base”.

Questa rotazione sarà importante per completare l’acclimatamento e preparare gli alpinisti al loro tentativo di vetta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nanga Parbat, dopo l’incidente Nardi non si arrende: riparte e punta al Campo 3

LatinaToday è in caricamento