Pallavolo B2: Volley Terracina, arriva Teresa Frate. Colpo grosso in cabina di regia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Con lo scacchiere della rosa ancora da completare, ecco che la Volley Terracina piazza un ottimo colpo, portando in riva al Tirreno, grazie ad una mossa di mercato brillante del direttore sportivo Stefania Rizzi, un pezzo pregiato del volley di categoria, Teresa Frate.

Foggiana, classe 1992, la palleggiatrice pugliese ha talento ed esperienza da vendere, avendo indossato diverse maglie negli ultimi anni e sempre raggiungendo traguardi importanti, non ultimo quello ottenuto la scorsa stagione con la maglia della Coged Pallavolo Teatina, conquistando la serie B1, dove Teresa è stata un’autentica protagonista. Prima della bella avventura abruzzese, Teresa ha indossato le maglie di squadre della sua regione, nell’ordine Cerignola, Olimpia Orta Nova e Manfredonia, forgiando le sue mani tra la serie C e la serie B.

Arriva ora a Terracina, provando nella sua continuità di fare bene e, nonostante l’ingaggio avvenuto nelle ultime ore, si è già messa a disposizione del coach Rigoni, facendo compagnia alle sue nuove compagne nel lavoro in palestra. Le sue parole da neo-biancoceleste appena sbarcata a Terracina: “Sono molto carica e contenta di arrivare a Terracina, è successo tutto così in fretta negli ultimi giorni che non ho avuto ancora il tempo di rilassarmi un attimo. Va bene così, meglio mettersi a lavorare da subito e fare le cose per bene. Ho preso già contatto con la squadra e la cosa decisamente molto positiva che ho notato, è che esiste già un bel gruppo, c’è una bella armonia tra le ragazze, visto che molte si conoscono da tempo: questo è sicuramente l’aspetto più importante, se non c’è un gruppo affiatato e coeso, non si va da nessuna parte. Che dire, penso a lavorare e inserirmi nella maniera migliore, tutto il resto verrà strada facendo, ma sono fiduciosa.”

Torna su
LatinaToday è in caricamento