Nicolò campione di fair play: Zingaretti premia il giovane calciatore di Aprilia

Il 13enne giocatore protagonista di un bellissimo gesto sportivo: ha sbagliato di proposito un calcio di rigore dubbio. Riconoscimento anche dal presidente della Regione Lazio

Riconoscimento anche dal presidente della Regione, Nicola Ziongaretti, per il giovanissimo calciatore di Aprilia divenuto ormai un vero esempio di fair play. 

A soli 13 anni Nicolò Francescotti, che milita nell’ Asd La Pelota Aprilia, nel corso di una partita di campionato di giovanissimi provinciali fascia B ha di proposito calciato fuori un rigore che non c’era poco prima fischiato dall’arbitro, rendendosi protagonista di un bellissimo gesto sportivo, che in poco tempo ha fatto il giro di tutta l’Italia. 

Per questo il presidente Zingaretti ha voluto premiare con una targa ricordo il giovane calciatore. “Si è trattato di un bell’esempio di fair play e correttezza per tanti adulti – ha detto il governatore del Lazio - per questo ho voluto premiare questo giovane calciatore insieme al suo dirigente. Auguro al ragazzo un grande in bocca al lupo per il suo futuro”.

Alla premiazione che si è tenuta nel pomeriggio di oggi, a cui ha preso parte anche il consigliere regionale di Liberi e Uguali, Daniele Ognibene, ha partecipato la famiglia di Nicolò: la madre Bella, il padre Fabrizio e la sorella. Al padre, dirigente della società, sono stati donati anche sei palloni per l’attività sportiva della società apriliana.

Nei giorni scorsi Nicolò era stato premiato anche dal sindaco di Aprilia, Antonio Terra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Senato, 30 posti da assistente parlamentare: come candidarsi

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • Omicidio di camorra del '92: quattro arresti tra le province di Caserta e Latina

  • Fiumi di denaro riciclati nell'impresa: due arresti e maxi sequestro da 1 milione di euro

Torna su
LatinaToday è in caricamento