menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Raffaele Di Gennaro

Raffaele Di Gennaro

Latina-Ternana 1-2, le pagelle: Di Gennaro super, serata da incubo per Brosco e Dellafiore

L'estremo difensore salva la porta in almeno tre occasioni, Ammari subito decisivo in occasione del gol di Minala. Male la difesa e il centrocampo

Contro la squadra dell’ex Roberto Breda, il Latina subisce il terzo k.o. stagionale, il secondo al Francioni, che interrompe una miniserie di 3 gare nelle quali i pontini avevano raccolto 7 punti. Troppo forte la Ternana, o forse sarebbe meglio dire troppo debole il Latina, quasi mai in partita, incapace di trovare le giuste contromisure per arginare l’aggressività degli umbri, arrivati al Francioni con numerose assenze. Nonostante una formazione rimaneggiata, e bersagliata dalla sfortuna anche a gara in corso (due cambi su tre effettuati per infortunio), gli umbri hanno dominato per novanta minuti, costruendo decine di palle gol, ma alla fine devono ringraziare il proprio portiere Mazzoni, che con tre magistrali interventi ha salvato la porta e il risultato.

Le pagelle

LATINA (4-3-3) Di Gennaro 7; Bruscagin 5,5 Brosco 5 Dellafiore 5 Calderoni 5; Schiattarella 5 (15’st Ammari 6) Olivera 5,5 Minala 6 (35’st Bandinelli 6); Acosty 5,5 Dumitru 5 Scaglia 5 (8’st Jefferson 5,5) A disposizione: Farelli, Moretti,Mbaye, Esposito, Marchionni, Baldanzeddu. All. Iuliano 5

Di Gennaro 7 – Un miracolo nel primo tempo, per tenere in piedi il match. Due a fine gara per impedire alla Ternana di chiuderla. Un po’ indeciso in occasione del primo gol, ma le colpe maggiori ce le ha Brosco.

Bruscagin 5,5 – Ci capisce poco con Furlan, cerca di arrangiarsi con il mestiere per non sprofondare.

Brosco 5 – Avenatti è un cliente scomodissimo, e lui ne soffre tanto. Quando poi Gondo si accentra, sono dolori. Pessima la gestione della palla vagante, che l’attaccante della Ternana traduce in assist vincente per Furlan.

Dellafiore 5 – Probabilmente il suo voto sarebbe stato positivo se Mazzoni non si fosse superato sulla sua gran conclusione verso il finale di partita. Come Brosco soffre la velocità degli attaccanti umbri, ed è lui ad affossare Gondo propiziando la punizione del 2-1.

Calderoni 5 – Vittima principale delle scorribande di Gondo. Ogni tanto cerca di proporsi in avanti, senza quagliare granché.

Schiattarella 5 – In flessione nelle ultime gare. Non trova le giuste contromisure all’aggressività della Ternana (15’st Ammari 6 – Due minuti per propiziare il gol del pareggio. Sufficienti per chiedersi perché mai sia partito proprio lui dalla panchina. Ammonito, era diffidato e non ci sarà a Brescia).

Olivera 5,5 – Iuliano gli chiede di giocare più basso, quasi in linea con i centrali difensivi. Mossa che non sortisce gli effetti sperati, perché la squadra è lunga, e la qualità della regia non è eccelsa.

Minala 6 – Un po’ mezzala, un po’ attaccante, o falso nove. Falso nel senso che avanti non ne becca una. Non a caso il gol lo segna quando in campo c’è già Jefferson, e lui è tornato a fare la mezzala (35’st Bandinelli 6 – Il ragazzo ha i numeri, come dimostra l’azione che lo porta a calciare a rete, ma Mazzoni gli dice di no. Se Iuliano vuol fare turnover, forse è il caso di tenerlo presente).

Acosty 5,5 – Nel primo tempo è l’unico che dà l’impressione di poter mettere a disagio la difesa della Ternana. Peccato giochi troppo lontano dalla porta, e in generale non trovi la necessaria collaborazione dei compagni.

Dumitru 5 – Due telefonate, anzi, due sms a Mazzoni. Un paio di conclusioni in curva. Un po’ pochino, no?

Scaglia 5 – Avrebbe bisogno di riposo. Non affonda mai, e anche in fase passiva è poco incisivo.

All. Iuliano 5 – I suoi ragazzi disputano forse la peggiore partita della stagione. Squadra sempre lunga e sfilacciata, un problema a cui non riesce a porre rimedio. E poi c’è la scelta di Minala avanzato, che non convince come l’esclusione iniziale di Ammari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento