Si salva solo Ujkani. Brosco, gara da dimenticare. Le pagelle di Perugia-Latina

Nessuna colpa sui gol per l'estremo difensore albanese. Grossi disagi nel pacchetto arretrato. Dellafiore sovrastato da Molina, Brosco ed Esposito surclassati da Ardemagni

Samir Ujkani (ph. uslatinacalcio.it)

Terza sconfitta nelle ultime cinque gare. I bei momenti trascorsi tra la seconda metà di gennaio e la prima di febbraio, sono ormai un ricordo. Il Latina cede anche a Perugia, senza idee, senza grinta, e senza un allenatore. Chiappini fa quel che può, ma è evidente il senso di smarrimento tra i giocatori. Sta ora alla società prendere delle decisioni, a questo punto, determinanti per il futuro della squadra, ormai di nuovo coinvolta nella lotta playout.

LATINA (4-3-3) Ujkani 6; Dellafiore 5 Brosco 4 (34’st Scaglia s.v.) Esposito 5 Calderoni 5,5; Mbaye 5 Olivera 5 (1’st Corvia 5) Mariga 5,5; Acosty 5,5 Boakye 5 (18’st Dumitru 5,5) Ammari 5,5. A disposizione: Di Gennaro, Bruscagin, Figliomeni, Schiattarella, Scaglia, Campagna, Celli, Milani. All. Chiappini 5,5

Ujkani 6 – Becca due gol senza avere colpe, e alla fine della fiera è l’unico a meritare la sufficienza.

Dellafiore 5 – Non gli si può chiedere di spingere, per quanto lui ci provi con commovente diligenza. Non può giocare a destra se l’esterno che gli si oppone va il doppio della velocità.

Brosco 4 – Ardemagni gli va via praticamente sempre. E in due occasioni fa anche gol. Giornata da dimenticare, così come tutta la stagione (34’st Scaglia s.v.)

Esposito 5 – Per l’ennesima volta conferma lo scarso feeling con Brosco. Falloso e poco preciso nelle chiusure.

Calderoni 5,5 – Stavolta la spinta che esercita non è incisiva. Dietro si balla, davanti le proposte del suo sinistro non sono granché.

Mbaye 5 – In una squadra senza idee, un mediano dai limitati mezzi tecnici non ha molto da offrire. Nella ripresa si piazza al centro quando la squadra passa al centrocampo a due. Tiene la posizione e nulla più.

Olivera 5 – La sua partita dura un tempo. Fuori partita, non fa scorrere la palla, né tenta di prendere in mano la squadra da capitano (1’st Corvia 5 – Quella di ieri non poteva essere la gara della svolta. Non gli arriva mezzo pallone).

Mariga 5,5 – Meno imprecisioni rispetto ai compari di reparto, ma neppure qualcosa che faccia strabuzzare gli occhi.

Acosty 5,5 – Si muove sulla destra, cercando spazi per i tagli centrali. Qualcosa vien fuori, ma alla lunga resta solo la confusione.

Boakye 5 – Lanciato a sorpresa dall’inizio, dopo l’errore dal dischetto che forse è costato la panchina a Somma. Gioca da punta centrale, e suo è l’unico tiro in porta della partita. Poi c’è il nulla (18’st Dumitru 5,5 – Entra in un momento piuttosto delicato. Non ha margini di manovra, perché la squadra si limita al lancio a casaccio).

Ammari 5,5 – Libero di spaziare, tra la fascia e la trequarti. Fa un po’ quel che gli pare, senza dare punti di riferimento. Ma anche lui idee chiare zero.

Chiappini 5,5 – Le attenuanti ce le ha gioco forza. Cerca l’effetto sorpresa con alcuni cambi, ma il gol in apertura gli smonta i piani. Non porta frutti neanche la scelta di giocarsi le quattro punte. Senza Olivera, c’è poca logica in impostazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento