Special Olympics Latina, gli atleti incontrano il vescovo Crociata

L’occasione è data dalla chiusura del progetto “Adotta un campione”, la campagna nazionale attraverso cui è stata resa possibile la partecipazione degli atleti italiani ai Giochi mondiali di Los Angeles. Oggi l’incontro

Un pomeriggio speciale e un incontro ricco di emozioni attendono oggi gli atleti di Special Olympics Latina che nel corso di un incontro nel pomeriggio alle ore 17,30 presso la sede della Curia vescovile saranno salutati dal Vescovo di Latina Mariano Crociata.

L’occasione è data dalla chiusura ufficiale del progetto “Adotta un campione”, la campagna nazionale attuata sul nostro territorio dal comitato provinciale Special Olympics di Latina, attraverso cui è stata resa possibile la partecipazione degli atleti italiani ai Giochi mondiali di Los Angeles, che si sono svolti la scorsa estate. Sarà anche l’occasione per festeggiare, in particolare, Anna Mastrodomenico, l’atleta pontina che a Los Angeles si è aggiudicata la medaglia di bronzo nel Bowling in doppio.

Sarà un pomeriggio di emozioni ma anche sorrisi e gioia in cui gli atleti di Special Olympics racconteranno, davanti a tanti amici, le loro esperienze e sfide di atleti e l’orgoglio di aver vinto medaglie in competizioni nazionali e internazionali.

Il direttore provinciale di Special Olympics Latina, Giovanni Di Giorgi, porterà il saluto ed illustrerà la bellissima iniziativa di solidarietà, che sarà aperta dalle parole del Vescovo. Saranno presenti alla manifestazione le autorità locali, il presidente del CONI regionale Riccardo Viola, tanti esponenti del mondo dell’associazionismo e del volontariato e alcuni campioni delle società sportive della nostra città. Prevista anche la presenza del tecnico del Latina calcio di serie B, Mario Somma, accompagnato dai giocatori Corvia e Bruscagin.

Il progetto “Adotta un campione” ha avuto diverse tappe anche nella nostra provincia, e gli atleti sono stati anche ricevuti da Papa Francesco prima della partenza per Los Angeles.

COSA E’ “SPECIAL OLYMPICS” - “Il programma internazionale Special Olympics, nato nel 1968 e diffuso oggi in più di 170 Paesi, rappresenta l’esempio più importante di come lo sport possa costituire momento di aggregazione, di crescita e di condivisione per persone con disabilità mentale, configurandosi al contempo come un punto di riferimento essenziale per le famiglie - viene spiegato in una nota -.

Ogni anno vengono organizzati in tutti i Paesi aderenti migliaia di eventi sportivi che vedono coinvolti milioni di atleti, volontari e famiglie. Ogni anno una rappresentativa italiana viene chiamata a partecipare alternativamente ai Giochi Mondiali (Invernali o Estivi) o a quelli Europei.

E ogni anno diversi atleti della provincia di Latina partecipano alle varie manifestazioni locali, nazionali e regionali. In particolare, nel 2007 ai giochi mondiali di Shanghai erano presenti: Davide Castellani, Giorgio Masullo, Francesca Sarlo e Giuseppe Bagnato; ai giochi mondiali invernali del 2009 negli Usa, Idaho, era presente Riccardo Balestrieri; ai campionati europei di Varsavia del 2010 ha partecipato Maurizio Bovolenta; ai giochi mondiali di Atene del 2011 ha preso parte Francesca Restante; agli europei in Belgio del 2014 ha partecipato Francesco Mucci; ai mondiali di Los Angeles 2015 ha partecipato Anna Mastrodomenico”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento