/~shared/avatars/50260250301905/avatar_1.img

salviamo

Rank 0.0 punti

Iscritto mercoledì, 4 luglio 2012

Poste, oltre mille uffici a rischio chiusura: 6 nella provincia pontina

"Caro Massimo Sarmi, il tuo progetto è follia pura:

Entro il 2012 è stata prevista la chiusura di 1.152 uffici postali.

NOn solo, altri 634 saranno razionalizzati, ovvero aperti solo in determinati giorni ( pochi).

Una stima provvisoria parla di un recupero per le casse delle Poste di circa venti milioni di euro. Poste che hanno chiuso il bilancio con un utile netto di 846 milioni di euro.

L'Anci, l'Associazione nazionale dei comuni italiani, ha subito evidenziato la necessità che ogni chiusura o razionalizzazione avvenga "in collaborazione con gli enti interessati", e non unilateralmente. I sindacati del settore Slp-Cisl e Slc-Cgil, intanto, promettono battaglia, anche perché sul tavolo della trattativa ci si sono anche 1763 esuberi nel settore "Recapito".

Si grida all'allarme per i disagi che si andrebbero a creare sopratutto alle persone anziane, che sono costrette, per la pensione, a doversi recare alle poste una volta al mese.

Firmate per impedire un enorme disservizio agli anziani, ai disabili agli abitanti di paesini di montagna, dislocati ed in cui le poste rappresentano un vero luogo di riferimento:

https://www.petizionionline.it/petizione/poste-1-152-uffici-chiusi-servizi-zero-piu-code-garantite/7537"

1 commenti

Poste, oltre mille uffici a rischio chiusura: 6 nella provincia pontina

"Caro Massimo Sarmi, il tuo progetto è follia pura:

Entro il 2012 è stata prevista la chiusura di 1.152 uffici postali.

NOn solo, altri 634 saranno razionalizzati, ovvero aperti solo in determinati giorni ( pochi).

Una stima provvisoria parla di un recupero per le casse delle Poste di circa venti milioni di euro. Poste che hanno chiuso il bilancio con un utile netto di 846 milioni di euro.

L'Anci, l'Associazione nazionale dei comuni italiani, ha subito evidenziato la necessità che ogni chiusura o razionalizzazione avvenga "in collaborazione con gli enti interessati", e non unilateralmente. I sindacati del settore Slp-Cisl e Slc-Cgil, intanto, promettono battaglia, anche perché sul tavolo della trattativa ci si sono anche 1763 esuberi nel settore "Recapito".

Si grida all'allarme per i disagi che si andrebbero a creare sopratutto alle persone anziane, che sono costrette, per la pensione, a doversi recare alle poste una volta al mese.

Firmate per impedire un enorme disservizio agli anziani, ai disabili agli abitanti di paesini di montagna, dislocati ed in cui le poste rappresentano un vero luogo di riferimento:

https://www.petizionionline.it/petizione/poste-1-152-uffici-chiusi-servizi-zero-piu-code-garantite/7537"

1 commenti
LatinaToday è in caricamento