Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Agguati e omicidi: le immagini della guerra criminale pontina

 

A distanza di 11 anni dall'omicidio di Massimiliano Moro del 25 gennaio 2010 sono stati arrestati oggi 4 uomini: questa mattina è scattata l’operazione della polizia che ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma nei confronti 4 soggetti, esponenti delle famiglie rom di Latina, tutti indagati a vario titolo per la morte di Massimiliano Moro freddato all’interno della propria abitazione, con una pistola calibro 9 x 19.

Le indagini sono l’epilogo di un mirato approfondimento investigativo che i poliziotti della Squadra Mobile di Latina, insieme al Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, sotto la direzione ed il coordinamento della Dda di Roma, stanno conducendo anche rispetto alle dichiarazioni dei due collaboratori di giustizia Renato Pugliese e Agostino Riccardo.

Dalle stesse indagini è emerso che l’omicidio di Massimiliano Moro si inserisce nella faida scoppiata nel 2010 fra le famiglie rom Ciarelli-Di Silvio da un lato e gruppi non rom dall’altro, volta ad ottenere il controllo delle attività criminali del territorio pontino e che è stata ribattezzata “guerra criminale pontina”. Delitto che fu deliberato dallo stesso sodalizio criminale facente capo alle due famiglie di origini rom come una vendetta al tentato omicidio di Carmine Ciarelli. All’interno della stessa guerra criminale pontina rientra anche l’omicidio di Fabio Buonamano avvenuto qualche giorno dopo quello di Massimiliano Moro, sempre nel gennaio 2010.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LatinaToday è in caricamento