Martedì, 23 Luglio 2024

Spaccio h24 nelle case protette da telecamere e grate: le donne del clan nel ruolo di "vedette"

I dettagli dell'operazione condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo. Il tenente colonnello De Lise racconta l'indagine al Nicolosi e Campo Boario

Telecamere installate nei due quartieri cittadini, Nicolosi e Campo Boario, per poter immortalare il via vai di clienti che h24 bussava alle porte del clan per avere le dosi di hashish e cocaina. Poi intercettazioni, servizi di osservazione e il prezioso contributo dei collaboratori di giustizia e di altri personaggi inseriti nello stesso contesto criminale. Così i carabinieri del Nucleo investigativo di Latina, diretti dal tenente colonnello Antonio De Lise, hanno potuto ricostruire la fitta rete di spaccio gestita da un ramo della famiglia Di Silvio. Un'indagine che ha portato a 11 misure cautelari, di cui otto arresti in carcere.

"Dell'organizzazione - spiega il tenente colonnello De Lise - facevano parte anche molte donne, mentre al vertice del gruppo c'era il marito di una di loro. Le donne contribuivano all'attività di vendita delle dosi, ma si occupavano anche della cassa e ricoprivano al contempo il ruolo di vedette così da avvisare il resto del gruppo dell'eventuale arrivo delle forze dell'ordine. La base dello spaccio era organizzata all'interno degli appartamenti, protetti da grate in ferro e in alcuni casi anche da telecamere. Le abitazioni erano nei due quartieri del Nicolosi e di Campo Boario".

Il traffico, come ha precisato il comandante del Nucleo investigativo, era attivo 24 ore su 24 proprio grazie alla fitta collaborazione di diversi componenti dell'organizzazione. Il tutto spesso avveniva anche sotto gli occhi dei figli minorenni delle famiglie coinvolte.

Nel corso dell'attività investigativa i militari hanno immortalato e documentato numerosi cessioni di stupefacente e hanno fermato e segnalato diversi clienti in possesso delle dosi appena acquistate.

I nomi degli arrestati

Nuova ondata di arresti nel clan Di Silvio

Si parla di

Video popolari

LatinaToday è in caricamento