Killer di Marsiglia: arrestato in Svizzera un altro fratello di Ahmed Hanachi

Fermato a Chiasso l’uomo è "già noto ai servizi di polizia esteri per i suoi legami con il terrorismo di matrice jihadista”. Due giorni fa a Ferrara era stato arrestato un altro dei fratelli del killer che aveva vissuto ad Aprilia

Gli accertamenti dopo l'attacco a Marsiglia (fonte foto Ansa)

E’ uno dei fratelli di Ahmed Hanachi, il tunisino che domenica 1 ottobre ha ucciso le due giovani cugine alla stazione di Saint-Charles a Marsiglia e che per anni ha vissuto nella città di Aprilia dopo aver sposato una donna del posto, uno dei due richiedenti asilo fermati a Chiasso, in Svizzera, nella notte di domenica. 

A renderlo noto l'Ufficio federale della Polizia Svizzera che ha diffuso una nota in cui si legge che l’uomo arrestato è "già noto ai servizi di polizia esteri per i suoi legami con il terrorismo di matrice jihadista”. 

Il tunisino fermato domenica, aggiunge ancora la nota, “è uno dei fratelli del presunto attentatore di Marsiglia", ma "al momento non è chiaro se e quale ruolo abbia avuto nell'attentato". Secondo i media svizzeri si tratta Anouar Hannachi che sarebbe stato arrestato insieme alla moglie. 

Lo scorso 7 ottobre un altro dei fratelli Hanachi, Anis, era stato fermato dall'antiterrorismo italiano mentre si trovava a Ferrara: l’ipotesi è che potrebbe essere stato proprio lui, secondo gli investigatori francesi, ad aver radicalizzato il fratello Ahmed e che possa avere avuto un ruolo nell'organizzazione dell'attacco di Marsiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Perdono il posto di lavoro: licenziate dopo 20 anni per "mancato superamento del periodo di prova"

  • Accoltellato alla giugulare: salvato dalla Stradale sulla Pontina e soccorso dall'eliambulanza

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

Torna su
LatinaToday è in caricamento