Attentato Brindisi: manifestazione a Latina, fiaccolata a Cisterna

Latina in piazza stasera alle 19, l'iniziativa a Cisterna il 23 maggio. Sotto choc i Giovani democratici di Latina; la segretaria De Simoni: "Con il cuore e la mente siamo a Brindisi"

Attentato alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi (foto Antonio Quarta, fonte Lecceprima.it)

L’intero paese stamattina è stato svegliato dall'agghiacciante notizia del violento attentato che si è consumato davanti la scuola Morvillo-Falcone di Brindisi.

Erano le 7.45 quando tre bombole di gas posizionate all’interno di un cassonetto sono state fatte esplodere proprio davanti l’ingresso della scuola. I primi studenti erano già arrivati e per una di loro non c’è stato niente da fare: Melissa Bassi di soli 16 anni ha perso la vita mentre altre 5 ragazze sono rimaste ferite.

Un gesto ignobile che non può non sconvolgere le coscienze di tutti noi; un gesto vergognoso che arriva proprio nel giorno in cui a Brindisi era prevista la tappa della Carovana Antimafia di Libera partita da Latina, dai campetti di via Helsinky, l'11 aprile e che dopo aver attraversato tutta l’Italia doveva arrivare a Palermo, in Sicilia nel mese di ottobre.

LA SOLIDARIETÀ DI LATINA - Latina si prepara ad esprimere il suo cordoglio per l'attentato di Brindisi con una manifestazione spontanea, non rappresentata da nessuna sigla, che è nata direttamente dalle pagine di facebook. L'appuntamento, con l'intento di dare voce al dolore, allo sdegno ma anche alla voglia di dire basta e reagire, è alle 19 in piazza del Popolo.

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, ARMANDO CUSANI - “C’è da rimanere sconsolati nell’apprendere del barbaro attentato dinamitardo compiuto questa mattina a danno degli studenti di una scuola di Brindisi, intitolata a Francesca Morvillo e Giovanni Falcone. Rimaniamo oltremodo inorriditi nell’apprendere che forse l’attentato che ha portato alla morte una studentessa di soli 17 anni e ferito diversi suoi coetanei, è stato programmato all’indomani del ventesimo anniversario dalla morte di Falcone e Borsellino e soltanto poche ore prima che transitasse per le vie di Brindisi la Carovana antimafia. Non posso che rimarcare il mio personale disprezzo nei confronti di chi ha organizzato e compiuto il vile attentato, e allo stesso tempo esprimo le più sentite condoglianze, anche in nome dell’intero Consiglio Provinciale di Latina, ai familiari della vittima e dei feriti. Rimaniamo, inoltre, idealmente vicini all’intera comunità brindisina, nell’attesa che le Forze dell’Ordine assicurino alla giustizia l’autore o gli autori del folle e criminale gesto”.

IL CORDOGLIO DI CISTERNA - L’intera città Cisterna partecipa al dolore per il drammatico attentato avvenuto quest’oggi a Brindisi, ed in segno di lutto e cordoglio il Sindaco Antonello Merolla, come il collega Alemanno a Roma, ha disposto di annullare tutti gli eventi previsti a Palazzo Caetani dopo l’ordinario orario di chiusura al pubblico, organizzati per festeggiare “La notte dei musei”. Ma oltre alla partecipazione al lutto, Cisterna vuole dare un segnale concreto e lanciare un messaggio contro ogni forma di mafia e per questo mercoledì prossimo, in occasione dell’anniversario della morte di Giovanni Falcone, si terrà una fiaccolata.

“Siamo vicini alle famiglie colpite dal terribile lutto – ha detto il Sindaco Merolla – e condividiamo l’iniziativa del Sindaco Alemanno di annullare le iniziative previste per La Notte dei Musei. Cisterna mercoledì scenderà, spero numerosa, in piazza e nelle vie per ricordare il sacrificio del giudice Giovanni Falcone ma anche Paolo Borsellino e tutte le vittime della mafia, manifestando così il suo disprezzo verso la mafia ed i suoi atti intimidatori e criminali”.

GIOVANI DEMOCRATICI - “La criminalità non si ferma davanti a nulla e nessuno, ragazzi innocenti non sono un ostacolo, anzi sono diventati un mezzo per farsi sentire” ha commentato Micol De Simoni, segretaria dei Giovani Democratici di Latina.

Forte lo choc dei ragazzi dell’organizzazione giovanile del Pd, che si sono sentiti coinvolti personalmente. “Nonostante le distanze, è stato come se avessero toccato uno dei nostri istituti – dice la De Simoni -. A subire un attacco, che a una prima analisi sembra mafioso, sono stati per la prima volta nella storia italiana, ragazzi come noi che come tutte le mattine vanno semplicemente a scuola”.

“Il fatto che sia stata colpita una scuola premiata alla prima edizione del concorso sulla legalità, intitolata alla moglie di Falcone – spiega la segretaria -, proprio il giorno del passaggio della Carovana Antimafia di Libera, fa pensare che si vogliano colpire ragazzi che incominciano ad avere una propria cultura civile di legalità”.

Siamo indignati - conclude Micol De Simoni - e ci auguriamo che presto i responsabili vengano individuati e puniti duramente con i mezzi civili e democratici che competono a uno Stato civile. Questo atto rafforza in noi l’impegno a difesa della legalità anche nel nostro territorio. Non dobbiamo arrenderci e spaventarci ma continuare la lotta antimafia. Siamo con il cuore e la mente a Brindisi, solidali con le famiglie delle vittime, gli studenti e la città tutta”.

PRESIDENTE DELLA REGIONE, RENATA POLVERINI - “Un fatto drammatico, agghiacciante che ci lascia sgomenti e ci addolora”. “Ai familiari della giovane studentessa che ha perso la vita  -aggiunge Polverini - esprimo  profondo cordoglio mio e della Regione Lazio. Siamo vicini agli altri studenti rimasti feriti, una dei quali in gravi condizioni, alle loro famiglie e a tutta la comunità brindisina colpita da questo gesto vile e aberrante. Aspettiamo che si faccia quanto prima luce su questa inaudita violenza che evoca a un passato contro il quale questo Paese si è battuto e continua fortemente a battersi, con le istituzioni in prima linea a difesa della legalità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ANNULLATA LA NOTTE DEI MUSEI - In seguito al tragico attentato che ha colpito l'Istituto professionale 'Morvillo-Falcone' di Brindisi, il Ministro per i beni e le attivita culturali, Lorenzo Ornaghi, "ha deciso di sospendere l'evento nazionale "La Notte dei Musei", previsto questa sera", lo riferisce il Mibac, in una nota, aggiungendo che "con il sofferto silenzio dei luoghi della cultura, si manifesterà, oltre che la condanna di ogni gesto di violenza, la sincera partecipazione al dolore della famiglia della vittima, di tutte le persone coinvolte nell'attentato, di tutta la citta' di Brindisi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nel Lazio solo 12 nuovi contagi, in provincia le vittime salgono a 35

Torna su
LatinaToday è in caricamento