Testani al giudice: "Non volevo fare del male a nessuno, non vedevo più mio figlio"

Il 47enne che si era barricato nell'abitazione della moglie a Norma è stato ascoltato questa mattina. Il giudice si riserva sulla misura

E' stato ascoltato questa mattina Giuseppe Testani, il 47enne che si era barricato per più di 40 ore nell'abitazione della moglie a Norma minacciando di far esplodere tutto.

Assistito dagli avvocati Angelo Palmieri e Riccardo Amadei, ha risposto alle domande del giudice per le indagini preliminari Mara Mattioli, spiegando di aver agito in preda alla disperazione. "Non vedevo mio figlio da cinque mesi, non volevo fare del male a nessuno, non avrei mai dato fuoco all'abitazione".

L'indagato si trovava agli arresti domiciliari per stalking dopo le denunce della moglie. Al giudice ha raccontato la sua storia, spiegando che era disperato perchè avrebbe voluto la revoca di quel provvedimento per continuare a fare il suo lavoro, di autotrasportatore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto si trova in carcere e sulla misura il giudice si è riservato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

Torna su
LatinaToday è in caricamento