Danneggiata l’auto del capo della Squadra Mobile. Indagini in corso

Il fatto è accaduto nella notte tra venerdì e sabato: rotto il vetro della vettura parcheggiata. Il vicequestore Tommaso Niglio, che ha condotto l’operazione Don’T Touch, la prossima settimana lascerà Latina per trasferirsi a Salerno

Capo della Squadra Mobile Tommaso Niglio

Sono ancopra da chiarire i contorni di quanto accaduto nella notte tra venerdì e sabato quando l’auto del capo della Squadra Mobile, Tommaso Niglio è stata danneggiata,.

La scoperta fatta dallo stesso vicequestore che la mattina di Sabato ha trovato il deflettore della sua auto rotto.

Un episodio, quello che ha visto vittima il dirigente della Squadra Mobile che ha condotto l’operazione Don’t Tocuh che due settimane fa ha portato all’arresto di 24 persone sgominando un’organizzazione criminale a capo della quale riultano esserci Gianluca Tuma e Costantino Di Silvio, detto Cha Cha, su cui sono ora in corso le indagini.

Al momento tutte le ipotesi sono ancora al vaglio; potrebbe trattarsi di un atto vandalico come anche il tentativo di furto all’interno della vettura - anche se a quanto sembra nell’auto non sembra essere stato preso nulla -. Ma non si esclude anche l’ipotesi che il gesto sia legato alla stessa attività del dirigente della Squadra Mobile.

Intanto il vicequestore Niglio la prossima settimana lascerà la Questura di Latina in conseguenza di un trasferimento-promozione a Salerno.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

Torna su
LatinaToday è in caricamento