“Riportiamo Roberto a casa”, fiaccolata per la liberazione di Berardi

In tanti hanno partecipato alla fiaccolata organizzata dai familiari dell'imprenditore pontino detenuto da 10 mesi in Guinea Equatoriale e ristretto in condizioni disumane, per chiedere la sua liberazione

La fiaccolata per la liberazione di Roberto Berardi

Latina ha risposto all’appello dei familiari di Roberto Berardi, l’imprenditore pontino detenuto in prigione nella Guinea Equatoriale perché accusato di furto, e lo ha fatto con grande cuore.

Massiccia la partecipazione alla fiaccolata di ieri sera per chiedere la sua liberazione, per chiedere al Governo che faccia propria la causa dell’imprenditore pontino affinché possa finalmente fare ritorno a casa e riabbracciare i suoi cari.

Un lungo corteo silenzioso, partito da piazza San Marco e terminato in piazza della Libertà davanti la sede della Prefettura, si è snodato tra le vie del centro cittadino accompagnato da centinaia di fiaccole e bandiere italiane.

Ad aprire il corteo uno striscione con su scritto “Riportiamo Roberto a casa” sorretto dalla mamma, che più volte ha rinnovato il suo appello affinché le istituzioni si impegnino per liberare l’imprenditore, ma anche dai figli dell’uomo, dallala sua ex moglie.

Insieme a loro gli amici dell'imprenditore, ma anche il sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, il presidente f.f. della Provincia Salvatore De Monaco, ma anche tanti consigliere e altre rappresentanti delle istituzioni e tanti cittadini che, anche se per qualche minuto, si sono stretti intorno alla famiglia di Roberto Berardi. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      La Questura sequestra dieci alloggi popolari occupati abusivamente

    • Cronaca

      Bancarotta fraudolenta, sequestrati 2 milioni e mezzo di euro a tre società

    • Cronaca

      Operazione della Squadra Mobile contro il caporalato, arrestato un cittadino indiano

    • Cronaca

      Controlli antidroga, al setaccio la zona dell'ospedale e i quartieri Q4 e Q5

    I più letti della settimana

    • Si costituisce l'uomo che ha travolto e ucciso Massimiliano Zazzetti

    • Cadavere in un canale a Borgo Sabotino, forse investito da un'auto pirata

    • Scontro fra tre auto all'incrocio, tre feriti tra cui un bambino

    • Notte violenta ad Aprilia: accoltellato un ragazzo di 25 anni. Indagini in corso

    • Falsi incidenti per ottenere indennizzi, smascherata una truffa alle assicurazioni

    • Torna in chiesa a perseguitare il prete, stalker arrestata per la seconda volta

    Torna su
    LatinaToday è in caricamento