Mortale a Terracina, il cordoglio del sindaco Nicola Procaccini

A seguito del sinistro che domenica ha distrutto un intera famiglia, in cui è morto Raffaele Vertolomo e la compagna ha perso il bambino, interviene anche il primo cittadino

Il sindaco di Terracina Nicola Procaccini

L’incidente avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri in cui è morto Raffaele Vertolomo, 35enne di Terracina, mentre la compagna ancora ricoverata in gravissime condizioni al Goretti di Latina ha perso il bambino, ha turbato tutta la comunità della provincia pontina.

La notizia giunta nel pomeriggio dell’esito positivo dell’alcol test a cui era stato sottoposto l’uomo al volante della Bmw che ha causato il sinistro, non ha fatto altro che acuire il dolore già forte per una vera tragedia che ha distrutto un’intera famiglia.

In un momento così delicato è voluto intervenire il sindaco di Terracina Nicola Procaccini che ha espresso profondo cordoglio per quanto accaduto in via Pantani dal Basso.

“E’ stato, come sempre più spesso accade negli ultimi tempi, un episodio scellerato e drammatico al tempo stesso. Fermo restando che è impossibile porre un freno alla stupidità di chi si mette alla guida in stato di ubriachezza, tutto quello che l’amministrazione comunale potrà fare per favorire la sicurezza degli automobilisti che transitano sulla Pantani da Basso, come ad esempio il controllo elettronico della velocità e i dissuasori lungo il percorso, si farà al più presto”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Minacce di morte ai carabinieri: Giorgia Meloni in visita alla caserma di Aprilia

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento