Operazione Tiberio, Tribunale del Riesame: in libertà solo Alessandra Bianchi

La decisione dei giudici sugli ultimi ricorsi presentati dagli indagati in manette nell'ambito dell'operazione che il 16 gennaio scorso aveva portato all'arresto di 10 persone

Un momento dell'operazione Tiberio

Il Tribunale del Riesame di Roma ha sciolto ieri la riserva sugli ultimi ricorsi presentati dagli indagati nell’ambito dell’inchiesta Tiberio. 

Annullata l’ipotesi di associazione a delinquere per quanti hanno presentato ricorso - così come già deciso dai giudici per Isidoro Masi, Nicola Volpe e Gianpietro De Biaggio -. 

I giudici hanno concesso la libertà all’imprenditrice Alessandra Bianchi, che era finita ai domiciliari nell’ambito dell’operazione che lo scorso 16 gennaio aveva portato all’arresto di 10 persone; per lei è stata disposta soltanto l'interdizione per un anno dagli incarichi direttivi nelle imprese. 

Sono invece state confermate le misure degli arresti domiciliari per Domenico D'Achille, Antonio Avellino e Andrea Fabrizio. 

L’operazione Tiberio che ha portato all’arresto di 10 persone, tra cui anche il sindaco di Sperlonga Armando Cusani - respinto anche il suo ricorso dal tribunale del Riesame - era scattata lo scorso 16 gennaio; l’accusa era, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e alla turbata libertà degli incanti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Minacce di morte ai carabinieri: Giorgia Meloni in visita alla caserma di Aprilia

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento