Scandalo in Tribunale, oggi il via agli interrogatori degli arrestati

Si parte oggi con gli interrogatori delle 8 persone in manette lo scorso venerdì, mentre vanno avanti le indagini della polizia su quello che è stato definito un "consolidato sistema corruttivo" nella sezione fallimentare del tribunale

Un momento degli arresti

Al via oggi gli interrogatori di garanzia per lo scandalo scoppiato nei giorni scorsi nella sezione fallimentare del tribunale di Latina con gli arresti "illustri" operati dalla squadra mobile della Questura di Latina che ha fatto scattare le manette ai polsi del giudice della Fallimentare Antonio Lollo, di sua moglie, della suocera, come anche della cancelliera del palazzo di giustizia, di tre commercialisti, un sottufficiale della Finanza in servizio in Procura e un imprenditore.

Il terremoto in piazza Buozzi è scoppiato nel pomeriggio di venerdì quando gli uomini della squadra mobile di Latina hanno fatto scattare l’operazione che ha portato agli otto arresti - la suocera del giudice Lollo, l'ex vicequestore Angela Lusena Sciarretta ora ai domiciliari e che oggi sarà ascoltata per la convalida è finita in manette qualche ora dopo - .

Gli otto arrestati devono rispondere delle accuse di corruzione in atti giudiziari, concussione, induzione indebita a dare o promettere denaro od altra utilità, turbativa d'asta, falso e rivelazione di segreto, accesso abusivo ad un sistema informatico e telematico aggravato dalla circostanza di rivestire la qualità di pubblico ufficiale.

Intanto le indagini della Squadra mobile vanno avanti spedite per fare luce su quello che gli stessi uomini della Questura hanno definito un “consolidato sistema corruttivo".

GLI INTERROGATORI IN TRIBUNALE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento