Gelaterie d’Italia 2018: i “Tre Coni” del Gambero Rosso alla Gretel Factory

Per il secondo anno consecutivo premiata l’attività di Formia: solo 40 le gelaterie che hanno ottenuto i tre Coni in Italia, 5 nel Lazio. Veronica Fedele: “Prodotti tipici, cultura e lotta alle mafie il mix vincente"

La gelateria di Formia Gretel Factory si conferma tra le migliori del Paese. L’attività pontina, per il secondo anno consecutivo, è stata premiata con i Tre Coni del Gambero Rosso, riconoscimento che va, appunto, ai migliori gelatieri d’Italia. 

La nuova guida “Gelaterie d’Italia 2018”, nella quale il Gambero Rosso sulla base di una severa e scrupolosa analisi ha individuato 350 gelaterie di alta qualità sulle 40mila in Italia, è stata presentata oggi al Sigep di Rimini. Le gelaterie premiate con i tre coni sono appena 40 in tutta Italia e solo 5 nel Lazio.

“Siamo orgogliosi e fieri di questa riconferma - ha commentato Veronica Fedele, titolare di Gretel Factory -. Riuscire a mantenere alto il livello di qualità del nostro prodotto va di pari passo con gli altri aspetti del nostro progetto: ‘filiera Ac-corta’, fornitori del territorio, educazione alimentare e sensibilizzazione alla legalità. Mission di Gretel Factory è diffondere la cultura dell’alimentazione perché il gelato, il cibo, non sono prodotti commerciali ma elementi di vita e di crescita insieme al sostegno alle imprese sane del territorio quale elemento di sviluppo”.

“Il gelato di Gretel Factory – continua Veronica Fedele - è prodotto con ingredienti di altissima qualità, attraverso una filiera Ac-corta che predilige le materie prime del territorio di produzione. Lavorando in questo modo si sostengono le economie locali sane e si valorizza un territorio ricco di eccellenze. Così parte della frutta viene da un’ottima azienda agricola di Formia, la fragola favetta è tipica di Terracina, il miele dai Monti aurunci, tanto per fare qualche esempio. 

Economia sana e sviluppo del territorio vanno a braccetto con la legalità e la solidarietà, per questo ci rivolgiamo ad aziende con alle spalle un percorso a sostegno della legalità, come il Caseificio Terre di Don Peppe Diana di Castel Volturno, con la sua deliziosa ricotta di bufala, e la Coop Lazzarelle del carcere femminile di Pozzuoli, con i suoi progetti di recupero delle detenute attraverso la lavorazione del caffè naturale. Fanno parte della nostra filiera anche la Fattoria ‘Al di la dei sogni’ e i progetti della “‘Nuova Cooperazione Organizzata’, casi virtuosi di valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento