“Portare la crisi politica in Consiglio”: centrodestra firma mozione di sfiducia del Pd

La mossa di Fratelli d'Italia, Nuovo Centro Destra e Udc: "Ferma restando la piena fiducia al sindaco Di Giorgi, le firme sul documento hanno il solo obiettivo di evitare una nuova ferita al dibattito democratico e alle istituzioni"

Non si allenta la tensione in Comune a Latina dopo la decisione annunciata durante il Consiglio del 30 aprile, di Forza Italia di lasciare la maggioranza, aprendo di fatto una crisi politica.

Ieri il Partito Democratico ha depositato la mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Di Giorgi, documento che è stata firmata da tutti i consiglieri del partito.

Ma il nuovo capitolo viene scritto oggi quando con una nota a firma dei segretari provinciali di Fratelli d’Italia, Nicola Calandrini, Nuovo Centro Destra, Enrico Tiero, e Udc, Michele Forte, viene annunciato che anche i partiti di centrodestra hanno firmato la mozione presentato dal Partito Democratico. Una mossa che ha come obiettivo quello di portare la discussione sulla crisi politica in atto all’interno del Consiglio comunale - le sole firme dei consiglieri del Pd al documento non erano sufficienti - appoggiando quella che è la linea voluta dallo stesso primo cittadino.

“I Segretari provinciali dei partiti del centrodestra, nel condividere la posizione espressa dal sindaco Giovanni Di Giorgi con nota stampa circa la necessità di istituzionalizzare la crisi politica in atto e portarla all’interno del Consiglio comunale e quindi all’attenzione della città, attraverso i propri rappresentanti in Consiglio comunale hanno apposto le firme al documento-mozione presentato dal Partito Democratico” si legge nella nota.

“Ferma restando la piena e rinnovata fiducia da parte delle forze politiche scriventi al sindaco Giovanni Di Giorgi, le firme apposte sul citato documento hanno come obiettivo esclusivamente quello di evitare una nuova ferita al dibattito democratico e alle istituzioni di questa città, che è la prima del Lazio dopo Roma capitale e il più importante capoluogo di provincia italiano governato dal centrodestra.

La crisi aperta da Forza Italia con la dichiarazione di uscita dalla maggioranza deve essere portata all’attenzione della città e discussa in totale trasparenza nella massima assise cittadina - concludono Calandrini, Tiero e Forte -, per evindenziare che la crisi è determinata da fattori esterni all’amministrazione della città”.        

LA CONTROMOSSA DI FORZA ITALIA - Mozione di sfiducia nei confronti del sindaco anche di Forza Italia. Gli azzurri l'avrebbero presentata nel pomeriggio di ieri cheidendo anche al presidente Calandrini di discuterla immediatamente in un Consiglio comunale, magari anche già in quella in calendario per martedì 12 maggio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento