Il Tribunale rigetta la proposta di Mancini: strada spianata per la cordata pontina?

Com'era prevedibile il Tribunale Fallimentare ha respinto l'ultima proposta dell'ex Amministratore unico, che nella giornata di ieri aveva depositato l'offerta di 10 euro e 50 centesimi più la disponibilità ad accollarsi i debiti. Si punta dunque sulla cordata di imprenditori

Nulla da fare per Benedetto Mancini. Il suo ultimo tentativo di acquistare il titolo sportivo del Latina, alla grottesca cifra di 10 euro e cinquanta centesimi, è stata rispedita al mittente dai curatori fallimentare. 

In mattinata i giudici Cina e Vaccarella hanno dato parere negativo all'offerta dell'ex Amministratore Unico, che proponeva l'acquisto alla cifra simbolica e la disponibilità ad accollarsi la massa debitoria di oltre 6 milioni di euro. 

A questo punto resta in piedi il progetto, diretto dal Sindaco Coletta, di una cordata di imprenditori pontini, con la squadra che ripartirebbe dalla Serie D. Sarebbe stato già definito un piano economico-finanziario, ma dopo l'ultima uscita di Mancini, il progetto è andato temporaneamente in standby. Ora si può ripartire. A loro l'oneroso compito di salvare il calcio a Latina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Banda dei furti seriali, l'accusa chiede condanne per oltre 57 anni di carcere

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

  • Cambio medico ed esenzioni ticket: ora si farà in Comune

Torna su
LatinaToday è in caricamento