Siccità e grande caldo, comincia a scarseggiare l’acqua nel Sud Pontino

Pressione notturna ridotta a Gaeta e Formia e interrotta a Castelforte e SS. Cosma e Damiano per l'abbassamento delle falde acquifere e i picchi di consumo. Acqualatina: "Misure cautelative"

Il caldo torrido di questi giorni palesa sue gravi conseguenze non solo nell’esclation di incendi che divampano numerosi ogni giorno nei diversi comuni della provincia, ma anche in alcuni problemi di siccità – dovuta anche alle scarse piogge -, in particolar modo nel sud pontino.

Proprio la siccità degli ultimi giorni, fanno sapere da Acqualatina, sta causando un abbassamento delle falde acquifere in special modo nel sud pontino; un abbassamento che, unito ai picchi di consumo idrico registrati, ha comportato l’esigenza per il gestore di adottare "misure cautelative e finalizzate ad evitare impatti negativi sulla fornitura ed i relativi disagi per la popolazione".

Il fenomeno riguarda in particolar modo la sorgente di Capodacqua dalla quale vengono approvvigionati, gran parte dei comuni del sud. Per far fronte a tale abbassamento, circa un 5% in meno della portata ordinaria, Acqualatina “sta effettuando delle manovre che comportano un abbassamento di pressione notturna nei Comuni di Gaeta e Formia e un’interruzione, sempre notturna, per quanto riguarda Castelforte e SS Cosma e Damiano”.

“E’ importante sottolineare che tale attività garantisce una pressione diurna al di sopra di quanto previsto dalla carta dei servizi (2,5 bar) e che le manovre notturne sono, appunto, necessarie ad assicurare la continuità della fornitura durante il giorno – spiega il gestore dell’Ato4 -. Tale possibilità di agire sulla pressione, regolandola e calibrandola per le ore notturne a favore del flusso diurno, corrisponde, inoltre, ad una capacità tecnica acquisita dal gestore anche grazie ad importanti investimenti in tale ambito”.

“Il gestore garantisce l’impegno costante di tutto lo staff operativo, sia dal punto di vista tecnico e quindi della minimizzazione dei disagi (si sta cercando, infatti, di diminuire le ore notturne di abbassamento/interruzione), sia dal punto di vista dell’informazione all’utenza” ricordando che “per i casi di interruzione, inoltre, vengono messe a disposizione della popolazione delle autobotti”.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Straordinaria scoperta a Priverno: scheletri e sepolture di epoca medievale

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

  • Incidente sul lavoro a via Monti, lesioni compatibili con la caduta dal ponteggio

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento