Bomba a Formia: l'ordigno esploso alle 19 nella cava di Priverno

Concluse le operazioni che per tutta la giornata hanno visto impegnati i militari del Genio Guastatori di Caserta, insieme ad enti e istituzioni che hanno coordinato le misure di sicurezza

Si sono concluse ufficialmente alle 19 di oggi, domenica 5 maggio, le operazioni di brillamento della bomba d'aereo da 500 libbre, risalente al secondo conflitto mondiale. Gli artificieri dell'Esercito - 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta, hanno operato dalle prime ore di questa mattina a Formia, in località Rio Fresco, dove l'ordigno è stato sottoposto alla prima fase di despolettamento, per disinnescarlo e renderlo sicuro. L'operazione è iniziata dopo una lunga fase di evacuazione che ha interessato circa 16mila residenti della zona rossa e che ha praticamente diviso in due la città, con tanto di interdizione al traffico ferroviario e di sospensione dei collegamenti con le isole pontine.

Artificieri al lavoro nella cava: il video dell'esplosione

La bomba arriva a Priverno: iniziato il brillamento

bomba formia-3

Dopo il disinnesco, la bomba è stata trasportata a bordo di un convoglio militare verso la cava Barbetti di Priverno, dove è stata fatta brillare nel tardo pomeriggio di oggi. 

La complessa macchina organizzativa, coordinata dalla Prefettura di Latina, ha dunque funzionato alla perfezione e ha visto la partecipazione attiva di decine di enti, tra cui il Comune di Formia in prima fila, la Asl, Rete ferroviaria italiana, i volontari della protezione civile regionale e quelli della Croce Rossa, che hanno rispettivamente gestito i centri di accoglienza allestiti in città e il trasferimento di persone non autosufficienti.

Il prefetto Maria Rosa Trio ha quindi rivolto un ringraziamento in videoconferenza al sindaco di Formia Paola Villa, al direttore regionale della Protezione civile, alle forze dell'ordine, ai vigili del fuoco, alla Asl e a tutti gli enti coinvolti a vario titolo, per il lavoro svolto "che ha richiesto un impegno e uno sforzo particolari". Il prefetto ha sottolineato inoltre la grande collaborazione e il senso civico della cittadinanza che ha consentito il regolare e ordinato svolgimento delle operazioni.

Le operazioni di evacuazione e disinnesco

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

Torna su
LatinaToday è in caricamento