Pestaggio al Carrefour del Piccarello: Roberto Ciarelli dai domiciliari al carcere

Per il giovane appartenente al clan del capoluogo è stato disposto l'aggravamento della misura. Un anno fa l'aggressione al vigilante

E' finito dai domiciliari al carcere Roberto Ciarelli, 22 anni, arrestato lo scorso febbraio per il pestaggio di un addetto alla vigilanza del supermercato Carrefour del Piccarello. Ciarelli era agli arresti domiciliari in un'abitazione nel comune di Veroli per il reato di tentato omicidio, ma i controlli predisposti dalla polizia hanno accertato ripetute violazioni degli obblighi connessi alla detenzione domiciliare. 

Le informative della polizia e la richiesta del pubblico ministero titolare delle indagini hanno portato il gip del tribunale di Latina a disporre a carico del 22enne l'aggravamento della misura. Dai domiciliari Ciarelli è finito dunque nel carcere di Frosinone, dove si trova a disposizione dell'autorità giudiziaria. Poco prima di lui, per la violenta aggressione al vigilante, erano stati arrestati Valentina Ciarelli e Matteo Ciaravino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

Torna su
LatinaToday è in caricamento