Daniele Nardi torna in Italia, l’impresa sul Nanga Parbat solo rimandata?

Dopo la decisione di rinunciare, forse solo per ora, alla scalata solitaria e in inverno del Nanga Parbat, di arrivare lì dove nessuno è mai arrivato, lasciato il Pakistan l'alpinista di Sezze è tornato in Italia

È arrivato ieri sera in Italia dopo la decisione di rinunciare, forse solo per ora, alla scalata solitaria e in inverno del Nanga Parbat, impresa mai riuscita a nessuno.

La delusione è tanta per l’alpinista setino Daniele Nardi che lo scorso 21 gennaio era partito per il Pakistan con il sogno di arrivare dove nessuno è mai arrivato, in venta alla nona montagna più alta del mondo.

Ma alla fine ha dovuto rinunciare di fronte ad una situazione che si era fatta proibitiva, per le condizioni atmosferiche avverse e per molto altro.

Già lo scorso anno Nardi aveva tentato l’impresa di scalare il Nanga Parbat in inverno ma anche in quell’occasione, insieme scalatrice francese Elisabeth Revol, era stato costretto a ritirarsi per le avverse condizioni metereologiche.

Ma non è ancora detta l’ultima parola; magari l’alpinista di Sezze tornerà di nuovo a tentare l’impresa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento