"Una donna carina e intelligente" per informazioni riservate, bufera sul Latina Calcio a 5

Una conversazione telefonica svela le anticipazioni di Montemurro, presidente della Divisione, al patron La Starza che in cambio promette un regalo.....

Il fatto

Andrea Montemurro, presidente della Divisione Calcio a 5,  anticipa l’esclusione di Augusta e Lazio dall’attuale campionato di Serie A, al presidente del Latina Gianluca La Starza, il quale in cambio promette una donna: “Carina e pure intelligente per passare un week end sereno queste parti”. E’ una conversazione telefonica registrata nel luglio 2019, che getta nella bufera il mondo del futsal italiano e laziale. 

Andrea Montemurro ha rimesso il mandato nelle mani del presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia, che attende gli sviluppi delle indagini della Procura Federale prima di affidare la Divisione al vice presidente vicario, Gabriele Di Gianvito, oppure procedere ad un commissariamento, che sembra il risvolto più attendibile.  Un' informazione riservata, che un presidente di una Divisione non doveva dare ad un presidente di club, alla vigilia della definizione dell’organico di Serie A a sedici squadre, che di lì a poco sarebbe stato completato da Genova ed Aniene. Al vaglio della Procura la posizione di La Starza, che da presidente di club, quella informazione non avrebbe dovuto riceverla. Una brutta pagina dopo un decennio alla guida del Latina Calcio a 5, che ha portato dalla Serie D alla Serie A. 

La telefonata tra Montemurro e La Starza apre uno spaccato sul difficile momento del calcio a 5 in Italia, dove sempre più club, anche i più prestigiosi, fanno fatica a sostenere gli oneri di partecipazione al massimo campionato. Lo stesso Latina, dopo anni florenti, è oggi ultimo in classifica ad un passo dalla retrocessione.

Il presidente La Starza si difende 

La telefonata

La Starza: “Dottore!” 

Montemurro: “Ecco ti volevo confermare che il Maritime è a casa eh!”

La Starza: “Che vuole dì a casa?’”

Montemurro: “Non ha pagato per cui la CovisoD lo ha escluso definitivamente”

La Starza: “Ma non hanno tre giorni per depositare quello che la Covisod gli ha chiesto?”

Montemurro: “No perchè anche fosse, dovrebbero portare una liberatoria datata entro il 15. A meno che Cimanguinho non è un pazzo e gli fa una liberatoria entro il 15… è impossibile insomma”

La Starza: “Ma questo te lo hanno confermato all’interno della CovisoD?”

Montemurro: “Eh certo. Oh, sei l’unico che lo sa. Non lo sa nessuno e non mi va di fa’ girare ste voci”

La Starza; “No no no. Tranquillo. Io devo contraccambiare in quel modo tranquillo ..Fa passa’ l’estate e poi..te faccio quel regalo…”.

Montemurro: “Nun me poi…”

La Starza: “Posso ricambiare in quel modo….”

Montemurro: “Bravo bravo”

La Starza: “Carina carina. Quando la vedi me dirai se è carina. Poi è una donna pure intelligente. Dai così te passi qualche week end sereno pure da 'ste parti”

Montemurro: “Comunqe la possibilità (dell’Agusta) è zero.."

La Starza: “Speriamo”

Montemurro: “Anche perché detto tra noi hanno escluso anche la Lazio”

La Starza: “Ah si?”

Montemurro: “Eh si perché non ha presentato la fidejussione in tempo”

La Starza: “E dai ssh che coglioni!”

Montemurro: “E quindi entra il Genova”

La Starza: “Entra il Genova e l’altra chi è l’Aniene?”

Montemurro: “L’Aniene sì”

La Starza: “Vabboh”

Montemurro: “Però a sto punto bisogna cominciare ad essere ferrei con le regole perché sennò ognuno fa come cazzo je pare”.

La Starza: “Ma sì, poi se passava il messaggio tutti potevamo fare come cazzo ce pareva. Pagamo fino a dicembre e poi tanto”

La Starza: “Vabbeh Andrè ti auguro una buona serata”

Montemurro: “Se è, ci sentiamo domani. Un abbraccio”

LND, la replica

"Con riferimento alle notizie e ad una registrazione pubblicata oggi sul sito di alcuni quotidiani in relazione al presidente della Divisione Calcio a 5, Andrea Montemurro, la Lega Nazionale Dilettanti precisa che, a seguito di una comunicazione dello stesso Montemurro, ha tempestivamente investito ufficialmente la Procura Federale della Figc.  Lo stesso presidente della Divisione Calcio a 5, peraltro, al fine di meglio tutelare l'immagine della Lega, della Divisione e la sua personale onorabilità, ha messo a disposizione del consiglio direttivo della Lnd il proprio incarico. Appare utile precisare, in ogni caso, che ferma restando la necessità di attendere, doverosamente, gli esiti delle indagini della Procura Federale, nessun dubbio può nutrirsi sulla correttezza e la professionalità dell'operato della CO.VI.SO.D - prosegue la nota- . In relazione alle decisioni assunte anche relativamente al caso specifico. Da ultimo, deve comunque sottolinearsi che, a prescindere dal giudizio che ognuno potrà dare sul contenuto dell'audio, la stessa circostanza che sia stata registrata, all'insaputa dell'interessato, una conversazione telefonica e che, a distanza di molti mesi, sia stata diffusa a terzi e inviata agli organi di informazione, rappresenta la prova che gli autori di tale iniziativa sono molto lontani dai valori che nel corso di questi anni la Lega Nazionale Dilettanti ha cercato di promuovere sull'intero territorio, soprattutto tra le giovani generazioni. La Lega Nazionale Dilettanti, in ogni caso,  "si riserva di agire nelle eventuali sedi a tutela della sua immagine e di quanti, con spirito di sacrificio, contribuiscono alla diffusione del calcio dilettantistico e giovanile in Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: 341 positivi in provincia. Nel Lazio 157 contagi in più in un giorno

  • Coronavirus Latina: salgono a 359 i positivi in provincia. Nel Lazio 123 casi in un giorno

  • Coronavirus Latina, 373 i casi totali in provincia, nel Lazio 3.300 ma 500 guariti

  • I balneari pensano alla stagione estiva: in spiaggia numero chiuso per anziani e soggetti a rischio

  • Coronavirus Latina: due morti e 20 contagi in più in provincia, nel Lazio 167 nuovi casi

  • Coronavirus, l'assessore regionale D'Amato: "Test rapido a tutti gli abitanti del Lazio"

Torna su
LatinaToday è in caricamento