Il Latina dura un'ora, perde a Trastevere (3-1) e distanza siderale dal vertice (-12): urge il mercato di riparazione

Non basta il primo gol in nerazzurro di Cardella, i pontini crollano dopo il 2-1 capitolino e Maurizi: "Non abbiamo vinto un duello. Serve gente che non molli mai, votata al sacrificio". In tribuna si vede l'ex presidente Pasquale Maietta

Riparazione

Il Latina rimane in gara oltre un'ora prima di perdere contatto dal Trastevere, che per il terzo anno consecutivo doma i nerazzurri nel proprio Stadium.
Da domani, complice l'apertura ufficiale del mercato di riparazione, dovrà per forza di cose essere un'altra squadra, oggi a 12 punti dalla vetta.
Una distanza siderale, che il neo ds Marcello Di Giuseppe dovrà cercare di ridurre per evitare il ripetersi di un'altra stagione anonima. Da domai il mercato di riparazione per salvare il salvabile, ma: "Il Latina ha bisogno di gente che non molli mai, di personalità e carattere. Servono giocatori votati al sacrificio, con il ds vedremo il da farsi". Così ha sentenziato a fine gara l'allenatore Agenore Maurizi. 

Maietta in tribuna

Tanti gli addetti ai lavori presenti, e sugli spalti si vede anche Pasquale Maietta, il presidente del Latina in Serie B.  Defilato in tribuna laterale, accompagnato da familiari e amici, ha cercato di passare inosservato ma nemmeno più di tanto. Non è la prima volta che Maietta viene visto in stadi dell'hinterland romano. Di recente si era visto sulle tribune del Quinto Ricci per Aprilia - Cassino. Ma il richiamo del nerazzurro deve essere evidentemente troppo forte e il legame con il passato glorioso è ben saldo e, almeno all'apparenza, per nulla scalfitto dai guai giudiziari iniziati con l'ultimo anno dell'US Latina in serie cadetta, coinciso con la retrocessione e peggio ancora il fallimento. 

Tattica

Cambia pelle, ma non si smentisce il Latina, sufficiente a tratti, mediocre nel complesso. Il 4-3-1-2 trova ragione, a detta di mister Maurizi, nel campo stretto che non permetteva molte giocate in mezzo. Nel primo tempo il vertice basso del centrocampo è l'uruguagio Iorio, quello alto Begliuti, che nella ripresa si piazza davanti la difesa, lasciando il posto a Mastrone, evidentemente fuori ruolo. Prima dall'inizio per l'interno Garufi, mentre la difesa ritirava Del Duca dopo l'infortunio. Altre due novità dall'inizio: il ritorno di Del Giudice tra i pali al posto di Ciulla, e di Cardella in attacco, vista la squalifica di Cunzi.
 

Cronaca

Allo Stadium del rione è stata gara maschia, dove ha prevalso chi ci ha messo più gamba. Due legni scuotono la gara nel primo quarto d'ora. Il primo lo centra il cross dalla destra di Bertoldi al 9', sul quale rimane sorpreso Del Giudice che all'11' smanaccia oltre le traversa un lancio in area dello stesso numero 7 capitolino. Il secondo legno lo colpisce Cardella, traversa su angolo di Gerevini. Al 16' Corsetti reclama un rigore, contestando un braccio di Barbarossa sul quale sorvola Cutrufo di Catania, che invece al 29' punisce l'atterramento di Capodaglio, che va giù tra Iorio e Begliuti.  Tiro dagli undici metri trasformato da De Iulis. A seguire, al 34' Del Giudice respinge con i pugni il diagonale di Bertoldi. Al 38' sugli sviluppi della punizione di Gerevini, Cazè ha l'occasione del pari, ma davanti la porta calibra male il colpo di testa. Al 42' Lorusso mette in area di rigore De Iulis, Del Giudice respinge ancora e tiene così a galla il Latina, che coglie il pari prima del riposo. Corsetti a ridosso della bandierina si libera di due avversari e pennella il cross che trova la zampata vincente di Cardella, al suo primo gol in nerazzurro. Nella ripresa non accade nulla di particolare fino al 16', quando Lorusso parte in contropiede dalla sinistra, entra in area e si accentra, pescando il jolly sul secondo palo. Pressione ospite infruttuosa, né i cambi di Maurizi sortiscono gli effetti desiderati. In un paio di circostanze a Corsetti e Mastrone, manca l'attimo buono per battere a rete. La contesa si chiude così sull'uscita in ritardo di Del Giudice, De Iulis cerca e ottiene il rigore. Bertoldi piazza il definitivo 3-1.

Tabellino

Trastevere (4-3-3): Casalgrande 6; Barbarossa 6 (36'st Bassiano sv), Tarantino 6.5, Sfano' 6.5, Calisto 6;  Lucchese 7,  Capodaglio 7 (48'st Gnahe sv), Sannipoli 6; Bertoldi 7 (48'st Pongitore sv), De Iulis 7 (41' st Bergamini sv), Lorusso 7.5 (22'st Sordilli 6). A disp. Cavalli, Pastorelli, Mangione, Di Giuseppe. All. Perrotti
Latina (4-3-1-2): Del Giudice 5; Tinti 5 (13'st Sanna 5) Del Duca 6, Cazè 6, Atiagli 5 (36'st Galasso 6); Garufi 5 (36'st Sanseverino sv), Iorio 5 (1'st Mastrone 5), Gerevini 5.5 (31'st Barberini sv); Begliuti 5; Corsetti 5.5, Cardella 6. A disp. Ciulla, Choutil, Esposito, Fontana. All. Maurizi

Arbitro: Cutrufo di Catania

Assisenti: Pizzoni di Frattamaggiore - Selmi di Acireale

Marcatori: 33' De Iulis su rigore, 43' Cardella (L), 17' st Lorusso, 41' st Bertoldi su rigore.

Note: ammoniti Lorusso, Lucchese, Begliuti, Pinti, Gerevini. Angoli 3-4. Recupero pt 3', st 5'. Spettatori 400 circa, di cui un centinaio ospiti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento