Sport

Mbakogu torna al gol e fa sorridere il Carpi: Al ‘Francioni’ altro k.o. per il Latina

Terzo k.o. interno stagionale per i pontini. Nerazzurri pericolosi nella prima parte del primo tempo, poi Pinsoglio si supera in almeno due occasioni. Ripresa dai ritmi blandi con la squadra di Vivarini mai pericolosa, e beffata da un gran gol del nigeriano

È lo stadio ‘Francioni’ il teatro dove si sfatano due tabu del Carpi: quello delle gare esterne, dove i modenesi non vincevano da quasi tre mesi, e quello di Mbakogu, al ritorno al gol dopo dieci mesi. A pagare dazio è il Latina, che non sa più vincere tra le mura amiche. Evidentemente lo scongiurato fallimento non è servito a galvanizzare i pontini, volenterosi, apprezzabili per impegno e qualità della manovra solo nel primo tempo, ma come sempre poco concreti. E poco pericolosi soprattutto poco pericolosi. Una sconfitta che pesa molto anche in virtù dei tanti scontri diretti in programma. Vincere oggi avrebbe consentito di guadagnare su molte avversarie (Brescia e Cesena sconfitti oggi, in attesa di Vicenza-Pisa e Ternana Trapani in programma domani). E con questo score non ci sarà tribunale che possa salvare i nerazzurri.

PRIMO TEMPO – Al ‘Francioni’ ci sono tante cose in palio, oltre ai fondamentali tre punti. L’abitudinario Vivarini manda in campo il suo solito e annunciato undici, con Rocca che agisce sulla destra, e Bruscagin che scivola sulla sinistra. Qualche novità in più per Castori, che sceglie Letizia a destra, allargando Poli a sinistra, e inserendo Lasicki accanto a Gagliolo. e soprattutto l’ex Mbaye in mediana a far legna accanto a Lollo. Bianco resta in panchina. Nonostante alla fine del primo tempo il punteggio non si schiodi dallo 0-0 il pubblico del ‘Francioni’ non avrà disdegnato quanto visto in campo. Il Latina è vivo e propositivo sin dalle prime battute. Nei primi dieci minuti Bandinelli, Corvia e Insigne creano i presupposti per sbloccare il risultato. Manca la giusta freddezza sotto porta, e un po’ di lucidità nell’ultimo passaggio, ma la manovra del Latina è sufficientemente fluida. Il Carpi viene fuori alla distanza, ma si scontra con il muro chiamato Pinsoglio. L’estremo difensore nerazzurro si oppone per la prima volta a Beretta a ridosso della mezz’ora, poi si ripete su Jelenic. Ma è al 34’ che si supera, deviando d’istinto un colpo di testa di Beretta, con Bruscagin che impedisce a Mbakogu di ribattere correttamente a rete. La controrisposta del Latina è affidata a Buonaiuto, che in due occasione spaventa Belec.

Le pagelle dei nerazzurri

SECONDO TEMPO – Passano 7 minuti prima che Castori cambi qualcosa. E il fatto che esca Beretta per far posto a Lasagna sembra quasi uno schiaffo alla ‘miseria’ offensiva dei pontini. La sensazione è che se almeno un elemento del Carpi fosse a disposizione di Vivarini, qualcosa di più concreto lì davanti si vedrebbe. La manovra dei nerazzurri come sempre zoppica nell’ultima fase, perché Corvia fa dei bei movimenti ma avrebbe bisogno di qualcuno che gli giochi più vicino. Dall’altra parte invece c’è Mbakogu, uno che in area ci sa fare, specie se il suo marcatore gli lascia un po’ di spazio. Come al 26’, quando Fedato trova la giusta verticalizzazione, l’attaccante nigeriano prende bene posizione su Garcia Tena e fredda Pinsoglio con un violento e preciso tiro mancino. È l’episodio che spacca in due la partita, perché la reazione dei nerazzurri fatica ad arrivare. La squadra di Vivarini si scolla pericolosamente, lasciando terreno fertile alle ripartenze dei velocisti modenesi: su una di queste Lasagna manda Mbakogu a un passo dal bis, ma è fondamentale il salvataggio sulla linea di Brosco. Le contromosse di Vivarini si chiamano Rolando, De Giorgio e Jordan (all’esordio in campionato). Troppo poco per spaventare Belec e per dare una scossa alla classifica. Il Carpi sorride, il Latina perde la partita e un’altra grande chance.

LATINA (3-4-2-1) Pinsoglio; Brosco, Dellafiore, Garcia Tena; Bruscagin (33’st Rolando), De Vitis (36’st De Giorgio), Bandinelli, Rocca; Insigne, Buonaiuto; Corvia (41’st Jordan). A disposizione.: Grandi, Coppolaro, Mariga, Maciucca, Negro, Nica. All.: Vivarini

CARPI (4-4-2): Belec; Letizia, Lasicki, Gagliolo, Poli; Jelenic, Mbaye, Lollo (41’st Sabbione), Fedato; Beretta (7’st Lasagna), Mbakogu. A disposizione: Colombi, Bianco, Bifulco, Lasagna, Seck, Carletti, D'Urso, Forte.  All.: Castori

ARBITRO: Pasqua di Tivoli

Marcatori: 26’st Mbakogu

Ammoniti: De Vitis (L), Lollo (C), Bandinelli (L), Jelenic (C)  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mbakogu torna al gol e fa sorridere il Carpi: Al ‘Francioni’ altro k.o. per il Latina

LatinaToday è in caricamento