rotate-mobile
Il caso

Pratiche Uma ferme in Comune: gli agricoltori pronti alla mobilitazione

Il grido d'allarme dell'Ua -Unione agricoltori: la categoria costretta a pagare il gasolio a prezzi comuni: "Oggi fare questo mestiere a Latina significa sottoporsi a un vero e proprio bagno di lacrime e sangue"

Gli agricoltori di Latina pronti a scendere in piazza. L'impossibilità di accedere alle riduzioni dei prezzi del gasolio agricolo sta mettendo in ginocchio la categoria, che ora annuncia una mobilitazione. Il grido d'allarme arriva ancora dall'Unione agricoltori- Ua, che già nei mesi scorsi aveva sollevato il problema con il Comune di Latina e che ha riunito le imprese locali tornando a chiedere al Comune di Latina di accelerare i tempi per evadere le pratiche Uma (Utenti motori agricoli), ferme da gennaio.

La categoria, non riuscendo ad accedere al gasolio a prezzi agevolati, è costretta dunque a rifornirsi presso distributori a prezzi comuni, con un aggravio enorme e insostenibile di spese che ormai finiscono per superare i ricavi. "Oggi fare agricoltura a Latina - si legge in una nota dell'Ua - significa sottoporsi a un vero e proprio bagno di lacrime e sangue a cui in molti stanno già rinunciando chiudendo le proprie attività. Le responsabilità dell’impoverimento di uno dei settori economici trainanti per l’intero territorio pontino ricadono sul Comune di Latina, lento e impacciato nella lavorazione delle pratiche, ferme nella piattaforma da poco istituita di difficile accesso per tutti gli operatori".

Una battaglia, quella intrapresa dal presidente Ua Unione degli Agricoltori Gianluca Meglio e da Maria Grazia Passarelli insieme a tutto lo staff nazionale e ai rappresentanti del territorio, ai quali si sono uniti Fagri - Filiera Agricola Italiana, e l'Associazione filiera florovivaistica del Lazio, che non prevede passi indietro ma che verrà anzi inasprita. E' già stato conferito mandato ai legali della Confederazione di predisporre una diffida nei confronti del Comune di Latina, un’azione legale che fa da preludio a manifestazioni di piazza pronte ad essere messe in moto. Accanto alla Ua si sono schierati Renzo Scalzo e Anna Gianninoto responsabili delle sedi Uai locali, pronti a portare avanti la battaglia:  “La conferenza stampa di ieri – ha sottolineato Scalzo – mi ha dato la possibilità di toccare con mano i problemi veri degli agricoltori letteralmente disperati di fronte all’inerzia del Comune di Latina. Stanno attraversando momenti bui e vanno aiutati subito”. La Giannoto si sofferma sulle problematiche tecniche della richiesta: “Dall’ascolto degli agricoltori – ha detto – sono emerse difficoltà di natura operativa nelle richieste troppo articolate a Latina, rispetto ad esempio a Cisterna, articolata con costi alti, per avere poi il gasolio dopo mesi. Occorre semplificazione e velocizzazione dei tempi per sostenere tutto il comparto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pratiche Uma ferme in Comune: gli agricoltori pronti alla mobilitazione

LatinaToday è in caricamento