rotate-mobile
Economia

Moria del kiwi: in provincia di Latina danni per quasi 155 milioni di euro

Approvata dalla giunta regionale del Lazio la delibera per il riconoscimento della calamità naturale. Sambucci: “Mantenuti gli impegni presi con gli agricoltori”

Stato di calamità naturale a seguito della crisi del comparto del kiwi, causata dal cosiddetto fenomeno della moria: la giunta regionale del Lazio su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Giancarlo Righini, ha dato il via libera alla delibera attraverso “la quale si richiede al ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste l’approvazione della proposta di declaratoria di eccezionalità dei danni causati dalla calamità ‘Moria del kiwi’ nell’anno 2023 nelle province di Latina e Roma per un importo complessivo di 215.267.099,60 euro”.

Nello specifico nel territorio pontino si parla di quasi 155 milioni di euro per numerosi comuni interessati, vale a dire Cisterna, Aprilia, Sabaudia, Pontinia, Priverno, Sezze, Cori, Sermoneta, Terracina, Fondi e Sperlonga. Si tratta nello specifico di danni per 113.103.000 di euro valutati per le produzioni agricole, mentre i danni alle strutture aziendali ammontano a 41.819.539 euro. Per i comuni della provincia di Roma (Ardea, Colonna, Lanuvio, Montecompatri, Pomezia, San Cesareo, Velletri e Zagarolo) è stato stimato un danno complessivo di 50.038.560 di euro e di 10.306.000 alle strutture aziendali.

“Con questo provvedimento, sollecitato anche dal vicepresidente della commissione Agricoltura, Vittorio Sambucci – spiega l’assessore Righini – rispettiamo un impegno preso con le aziende del territorio che, solo per lo scorso anno, hanno lamentato un calo della produzione di circa il 50%. Era nostro dovere introdurre tutte le azioni necessarie per tutelare un settore che è leader italiano con circa 9mila ettari di terreno coltivato. È nostra intenzione dare seguito a questa richiesta di declaratoria, che è sicuramente una boccata d’ossigeno per tante imprese, ma che necessita di interventi più strutturali per fare fronte alle problematiche, come quella dei cambiamenti climatici, che hanno messo in ginocchio tante produzioni locali”. 

Soddisfazione è stata espressa dal consigliere regionale pontino Vittorio Sambucci, vicepresidente della commissione agricoltura in Regione, che per primo aveva acceso i riflettori su quanto stava accadendo. “Con questo atto approvato dalla giunta, necessario per chiedere interventi di sostegno economico al Ministero, abbiamo fatto il passo decisivo per un primo obiettivo per il quale tanto lavoro ed impegno è stato profuso negli ultimi mesi. Un lavoro reso possibile grazie alla presenza e vicinanza costante degli agricoltori e delle associazioni di categoria, con cui mi sono confrontato quotidianamente. Sin dell'audizione che ho convocato lo scorso settembre per dar loro voce e grazie alla quale tutti hanno compreso quanto grave fosse l'impatto della moria, un impatto di cui si è avuta esatta contezza grazie ai dati raccolti dalla direzione agricoltura della Regione Lazio e la mobilitazione dei Comuni interessati dal fenomeno. Un egregio lavoro di squadra - ha poi concluso Sambucci -, che ha potuto contare sulla sensibilità e il supporto dell’assessore all’Agricoltura, Giancarlo Righini, che ringrazio per il grande lavoro svolto. Abbiamo così potuto realizzare quell’azione in sinergia che ho sin da subito ritenuto necessaria e grazie alla quale oggi, con questa delibera approvata, mettiamo un punto importante per rispondere alle esigenze degli agricoltori. L’attività di sostegno e monitoraggio da parte della Regione naturalmente andrà avanti perché questa emergenza non è ancora finita”.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moria del kiwi: in provincia di Latina danni per quasi 155 milioni di euro

LatinaToday è in caricamento