La Pasquetta in uno dei luoghi dell’anima: il Giardino di Ninfa

Luogo d'incanto, dove si respira un'atmosfera particolare e si scoprono una moltitudine di cose interessanti a due passi da casa: il Giardino di Ninfa, aperto anche a Pasqua e Pasquetta, offre un'accoglienza competente e assolutamente cortese

Dove si può andare per passare una giornata a contatto con la natura, che rinfranchi lo spirito e gli occhi, che allontani dal tran tran quotidiano e dalle chiassose gite fuori porta tipiche della Pasquetta, senza però fare lunghi viaggi? Facile, ci si può recare in uno dei giardini più belli del mondo: Ninfa.

Decretato nel 2015 il più bel giardino privato d’Italia, Ninfa offre la possibilità di vivere un’esperienza rilassante e rigenerante sin dalla prenotazione dei biglietti on line, semplice, veloce e tutto sommato per niente costosa (€ 12.50). Si arriva sul posto nella data e all’orario prescelto, si fa una veloce fila (incredibilmente veloce rispetto alla grande quantità di gente che c’è) e si entra in un altro mondo.

Passeggiare nel Giardino di Ninfa è un’esperienza che arricchisce, non solo per le nozioni di storia, costume e botanica che le guide, gentili, sorridenti e preparatissime, regalano ai visitatori, ma per la moltitudine di colori, suoni e profumi di cui l’aria è pregna.

Forse non tutti sanno che il Giardino di Ninfa è stato ideato e realizzato a partire dagli anni Venti del secolo scorso, in un luogo che, grazie alla presenza di mare e montagne, e a una fitta rete di ruscelli, esterni e sotterranei, ha creato un habitat tale che, piante provenienti da tutto il mondo dalle conifere dell’estremo nord ai banani dei tropici, riescono non solo a vivere e convivere a pochi centimetri di distanza l’una dall’altra, ma a crescere tre volte più velocemente che altrove.

Questo meraviglioso e rigoglioso giardino, che in primavera particolarmente si tinge di incredibili colori squillanti e intensi profumi che riempiono l’aria, sorge su un luogo di grandissimo interesse storico, archeologico e artistico: le rovine dell’antica Ninfa, una cittadina che nel medioevo era un importante snodo commerciale di circa duemila abitanti, a due passi dalla Roma papale, contesa da famiglie potenti, saccheggiatori e Papi.

Ninfa dunque non è solo un giardino dove ammirare piante esotiche preservate a regola d’arte, ma è un luogo di grande rilevanza archeologica e storica. La famiglia Caetani, principalmente Roffredo Caetani e sua moglie Marguerite Chapin, hanno voluto riportare alla luce le rovine storiche di Ninfa, ormai ricoperte da una fitta vegetazione incolta e quasi inghiottite dalla palude. Nel 1921 sono iniziati i lavori di ripristino dei ruderi e dei reperti archeologici e la progettazione di un giardino all’inglese che potesse essere un luogo di riposo e svago.

Qui i Caetani hanno ospitato artisti, letterati, musicisti, la stessa Lelia, figlia di Roffredo, era una bravissima pittrice, dunque il giardino non è proliferato solo grazie al perfetto clima e le ricche acque del terreno, ma anche grazie alle cure e allo spirito che i Caetani, appassionati d’arte, fini intellettuali e amanti della natura hanno infuso alle loro proprietà.

Oggi il giardino è gestito dalla Fondazione Caetani, perché l’ultima discendente, Lelia per l’appunto, non ha avuto figli a cui lasciare la cura di questa preziosa eredità, ma non si è persa assolutamente l’atmosfera di altri tempi, di sospensione e di connubio totale con la natura, di compenetrazione dei saperi e della bellezza.

Una passeggiata che, soprattutto nelle giornate meno affollate, diventa un vero e proprio percorso sensoriale che nessuna fotografia o video potranno mai restituire integralmente, in cui allo spettacolo dei colori e delle forme di fiori, piante e alberi, si sommano il cinguettio instancabile degli uccellini (accolti in piccole casette posizionate qui e lì tra i rami degli alberi dalla Lipu) e lo scrosciare dell’acqua dei piccoli torrenti che serpeggiano nel giardino in piccole cascate, anse e dislivelli, i profumi non solo dei fiori che sbocciano soprattutto in primavera, ma quello delle varie piante e della terra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un vero e proprio paradiso in cui l’uomo è al servizio della natura, che lo ripaga generosamente crescendo rigogliosa, una vera gioia per gli occhi e per il cuore.
Un esempio virtuoso di come la gestione illuminata e responsabile dei luoghi iniziata dai Caetani nel secolo scorso, si perpetua ancora oggi con un impegno costante e multidisciplinare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020, i risultati: è ballottaggio a Fondi e Terracina

  • Elezioni a Fondi 2020: è ballottaggio tra Maschietto e Parisella

  • Elezioni a Terracina 2020: è ballottaggio tra Roberta Tintari e Valentino Giuliani

  • Coronavirus, 195 casi nel Lazio e tre morti. In provincia dati in flessione dopo il picco

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

  • Coronavirus: ancora 230 casi positivi nel Lazio e 22 nuovi contagi in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento